Bambini: come è cambiata “l’ora della favola” con l’arrivo degli ebook?

Gli e-book hanno cambiato il modo in cui genitori e figli condividono il loro tempo? Ecco cosa rivela un nuovo studio.

ebook

I libri tradizionali possono avere un vantaggio sugli e-book per quanto riguarda la qualità del tempo condiviso tra genitori e figli. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri della University of Michigan su un campione di 37 coppie genitore-figlio, dal quale è emerso che genitori e bambini parlano e interagiscono meno se l’ora della favola si basa su libri digitali.

La lettura condivisa promuove lo sviluppo del linguaggio dei bambini, l'alfabetizzazione e il legame con i genitori. Noi volevamo scoprire come l'elettronica avesse cambiato questa esperienza

spiegano gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Pediatrics, i quali hanno scoperto che quando genitori e bambini leggono libri stampati parlano più spesso, e la qualità delle loro interazioni è migliore. Per giungere a tale conclusione, gli autori hanno chiesto alle coppie genitore-bambino di leggere usando tre formati di libri: stampati, elettronici di base (su un tablet ad esempio) e e-book avanzati (con effetti sonori e animazione). Ebbene, dallo studio è emerso che con gli e-book non solo genitori e figli interagivano meno, ma i genitori tendevano anche a parlare meno della storia e più della tecnologia stessa (dando ad esempio istruzioni sul dispositivo, dicendo ai bambini di non premere pulsanti o modificare il volume).

La ricerca ci dice che le conversazioni guidate dai genitori sono particolarmente importanti per i bambini piccoli perché apprendono e trattengono meglio le nuove informazioni quando interagiscono con persone piuttosto che con media digitali. Tuttavia, ciò si verifica con minor frequenza quando si usano i libri elettronici.

Lo studio suggerisce dunque che i miglioramenti dei libri elettronici probabilmente interferiscono con la capacità dei genitori di impegnarsi nella conversazione durante la lettura. I genitori che scelgono di leggere libri elettronici con i bambini piccoli dovrebbero cercare di comportarsi allo stesso modo in cui farebbero con dei libri stampati, e ridurre l'attenzione verso elementi della tecnologia stessa.

I nostri risultati suggeriscono che i libri stampati suscitano un'esperienza di lettura di qualità superiore rispetto agli e-book.

Alla luce di quanto emerso, gli esperti ritengono che i pediatri dovrebbero incoraggiare i genitori a leggere libri stampati ai loro bambini, specialmente a quelli più piccoli.

Via | ScienceDaily

Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail