Trauma cranico nei bambini: le nuove linee guida per il trattamento

Sono state rivelate le nuove linee guida per il trattamento dei traumi cerebrali nei bambini.

Trauma cranico

I traumi cerebrali (o TBI, dall’inglese Traumatic brain injury, ovvero danno cerebrale traumatico) rappresentano un'interruzione della normale funzione cerebrale causata da urti, colpi o scosse alla testa (ad esempio a causa di incidenti stradali o cadute). Si tratta di un problema che può causare la morte del paziente, o che - in caso di sopravvivenza - può comportare problemi a lungo termine come convulsioni, difficoltà di apprendimento e disturbi della comunicazione.

In occasione della terza edizione del meeting del Brain Trauma Foundation, gli esperti hanno stilato una lista delle linee guida per il trattamento del trauma cranico grave nei bambini. Tali linee guida – interamente pubblicate sulla rivista Pediatric Critical Care Medicine (che potrete trovare cliccando qui) - includono nuovi consigli e interventi efficaci per il trattamento del TBI nei bambini, interventi che vanno dal monitoraggio intracranico all'utilizzo della soluzione ipertonica in presenza di edema cerebrale.

Queste linee guida sono di vitale importanza per la cura e il trattamento dei bambini con gravi lesioni cerebrali

spiegano gli esperti, i quali aggiungono che - grazie alle nuove direttive - gli operatori sanitari di tutto il mondo potranno avere accesso alle migliori raccomandazioni mediche per aiutare a salvare e migliorare innumerevoli vite, migliorando i tassi complessivi di sopravvivenza e di recupero dopo i traumi cerebrali.

via | Eurekalert
Foto da Pixabay

  • shares
  • Mail