Sanguinamento dal naso: cause e cure

Epistassi? Sangue dal naso? Ecco le principali cause e cosa fare.

Sangue dal naso: epistassi

In medicina il sanguinamento dal naso viene definito epistassi. Le cause possono essere primarie o idiopatiche (quindi non si riconosce una causa specifica) o secondarie. In generale, la fuoriuscita di sangue dal naso è causata dalla rottura dei vasi della mucosa nasale. Tuttavia le cause che possono portare alla rottura dei vasi sono parecchie, si va da traumi a diversi tipi di malattie. Se un sanguinamento ogni tanto ci può stare (soprattutto se associato a raffreddori o allergie stagionali), episodi ripetuti di epistassi andrebbero indagati meglio per capire la causa. Anche perché è fondamentale per stabilire quale terapia fare.

Sanguinamento dal naso: cause

Sono parecchie le cause di epistassi:

  • traumi (non solo incidenti, ma anche manovre invasive delle dita nel naso)
  • alterazioni ormonali in fase di accrescimento
  • presenza di polipi, varici, ulcere, fibromi o neoplasie del naso
  • deviazione del setto nasale
  • inalazione di sostanze irritanti
  • uso di cocaina
  • infezioni virali, batteriche o micotiche (definite riniti)
  • fragilità vasale
  • arteriosclerosi
  • ipertensione o improvvisi aumenti della pressione sistemica
  • cardiopatie
  • malattie infettive come morbillo, scarlattina...
  • coagulopatie
  • avvelenamenti
  • carenze vitaminiche
  • insufficienza renale
  • insufficienza epatica
  • colpo di calore
  • assunzione di determinati farmaci, soprattutto anticoagulanti o farmaci ad uso topico contro riniti e allergie

Sanguinamento dal naso: cosa fare?

Se si hanno episodi multipli di sanguinamento dal naso e, apparentemente, non c'è una causa scatenante (uso eccessivo di spray nasali a base di vasocostrittori o antistaminici, trauma nasale...), conviene contattare il medico. Starà a lui valutare quali esami fare per capire la causa scatenante. Durante l'episodio di epistassi (in assenza di traumi cranici, ovviamente: in questo caso va chiamato subito il 118), bisognerebbe:

  • evitare di agitarsi: l'agitazione peggiora la perdita di sangue
  • stare seduti con la testa dritta. Vietato inclinare la testa all'indietro in quanto si finisce con l'ingerire il sangue e vietato anche inclinarla troppo in avanti perché per gravità l'emorragia peggiora
  • premere delicatamente alla base della narice per alcuni minuti e poi rilasciare, per comprimere i vasi e favorire la formazione del coagulo
  • se si hanno sciarpe o cravatte, toglierle
  • applicare ghiaccio o acqua fredda (nel caso del ghiaccio meglio avvolgerlo in un panno per evitare contatto diretto con la pelle e ustioni da freddo) sul naso per stimolare la vasocostrizione. Se il sanguinamento peggiora, togliere il ghiaccio perché si è di fronte a una vasodilatazione paradossa
  • applicare un tampone se il sanguinamento non cessa

Se ancora non passa, contattare il medico o il Pronto Soccorso: se si è rotto un vaso un po' più grande della media, potrebbe essere necessaria una cauterizzazione.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail