Micosi alle unghie del piede: cosa fare e cosa non fare

Si parla di onicomicosi, cioè di micosi alle unghie. Ecco cosa fare e cosa non fare.

Micosi unghie piedi

Una forma comune e fastidiosa di tigna è la micosi alle unghie dei piedi. Questa forma di onicomicosi (può colpire anche le unghie delle mani) può colpire un'unghia sola o più unghie, essendo molto contagiosa. Potete accorgervi della presenza di una onicomicosi perché le unghie del piede cambiano di colore. Se vi accorgete di una variazione di colore delle unghie del piede, andate subito dal vostro medico. Non aspettate, perché potrebbero instaurarsi complicazioni che danneggiano definitivamente l'unghia. L'onicomicosi colpisce sia uomini che donne.

Micosi alle unghie dei piedi: cause e sintomi

La causa della micosi alle unghie dei piedi è un'infezione fungina. Il problema è che, a differenza di una micosi cutanea, la micosi delle unghie danneggia profondamente la matrice dell'unghia. Responsabili sono i dermatofiti, funghi normalmente presenti sul corpo. Quando si ha un calo delle difese immunitarie, quando si ha un'eccessiva sudorazione dei piedi soprattutto a causa di scarpe e calzini, ecco che questi funghi diventano patogeni e aggrediscono le unghie. Anche lieviti e muffe possono causare la medesima patologia. Fra i microorganismi maggiormente coinvolti abbiamo:

  • Candida
  • Tricophyton
  • Epidermophyton
  • Aspergillus

Ci sono poi dei fattori di rischio che predispongono alcune persone allo sviluppo della malattia:

  • diabete
  • persone anziane
  • utilizzo di scarpe e calze troppo strette che fanno sudare maggiormente il piede
  • eccessiva sudorazione
  • problemi al sistema immunitario
  • presenza di piede d'atleta
  • presenza di psoriasi
  • presenza di altre lesioni cutanee

Come sintomi della micosi alle unghie del piede si hanno:

  • variazione del colore dell'unghia (l'estremità sfuma al bianco-giallastro)
  • presenza di macchie marroni, verdi o nere
  • le unghie diventano più spesse, rompendosi di lato e causando dolore
  • la superficie dell'unghia diventa più spessa, spesso deformata e si rompe più facilmente
  • odore cattivo
  • onicolisi (l'unghia si stacca)
  • le lesioni possono estendersi anche sulla cute

Micosi delle unghie del piede: cosa fare

Se notate un inizio di onicomicosi, andate subito dal dottore. Rispetto a forme di micosi cutanea, sono molto più difficili da mandare via. Ovviamente è meglio prevenire. Questo vuol dire mantenere le unghie dei piedi sempre pulite e asciutte, evitando di usare scarpe o calze troppo strette che impediscono la corretta traspirazione e che non facciano sudare troppo. Inoltre bisogna tagliare periodicamente le unghie, assicurandosi anche un'igiene quotidiana.

Se nonostante tutto siamo incappati in un'onicomicosi, ecco che il medico potrebbe prescrivervi dei farmaci antimicotici sia ad azione topica (solitamente pomate o smalti medicati appositi), sia per uso sistemico (compresse per via orale). Considerate però che si tratta di una terapia molto lunga: un'unghia ci mette anche un anno a ricrescere completamente, quindi la cura durerà parecchio. Nei casi più gravi, poi, potrebbe essere richiesta anche la rimozione chirurgica dell'unghia.

Ci sono anche dei rimedi naturali per aiutare a contrastare le micosi delle unghie. Per esempio si può usare l'echinacea per stimolare le difese immunitarie.

Micosi delle unghie dei piedi: cosa non fare

In caso di micosi delle unghie dei piedi ecco cosa non fare:

  • aspettare troppo prima di andare dal medico: quando l'unghia si deforma, vuol dire che la micosi è diventata profonda e l'unghia non tornerà più piatta come prima. La deformazione ungueale è irreversibile
  • usare calze e scarpe troppo strette
  • usare calze di tessuti non traspiranti
  • ignorare altre infezioni locali
  • trascurare l'igiene e la pulizia dei piedi
  • strappare l'unghia colpita dalla micosi: favorireste l'ingresso dei batteri

Foto | iStock

  • shares
  • Mail