Quando l’alimentazione può aiutare a salvare il Pianeta

Per salvare il pianeta, bigona cominciare a cambiare i piatti che portiamo in tavola. Ecco i consigli degli esperti.

Dieta pianeta

Per migliorare il nostro Pianeta è fondamentale cambiare le nostre abitudini alimentari, optare per fonti proteiche alternative e ridurre drasticamente il consumo di carne. A spiegarlo è il World Economic Forum, che sottolinea come ridurre drasticamente le emissioni di gas serra potrebbe aiutare a ridurre del 5% le morti prevenibili ogni anno, risparmiando così milioni di vite. Ma non solo! Consumare una maggiore quantità di proteine alternative alla carne (come il tofu ad esempio) può anche regalare enormi benefici alla salute degli individui, oltre che all'ambiente.

Nello specifico, passare da un’alimentazione carnivora a una che comprenda anche fonti proteiche alternative potrebbe ridurre di una percentuale che va dal 2,4% al 5% il numero di morti legate alla dieta alimentare. A questo si aggiunge il fatto che la sola produzione di carne di manzo comporta un impatto ambientale non indifferente, con un’emissione del 25% di gas serra che risulta essere collegata ad essa.

Per giungere a questa conclusione, gli esperti hanno preso in esame un campione di 13 fonti proteiche, che comprendevano alimenti come:


  • Manzo, maiale e pollo

  • Frutta e vegetali (freschi o lavorati), come fagioli e piselli

  • Sostituti proteici non animali lavorati (tofu, prodotti di glutine di frumento o microproteine)

  • Nuovi prodotti (ad esempio carne di coltura, insetti e alga spirulina).


Alla luce dei risultati osservati, il Managing director del World Economic Forum, Dominic Waughray conclude sottolineando la necessità di un cambio di rotta per quanto riguarda l'alimentazione:

Sarà impossibile soddisfare in modo sostenibile la domanda futura di carni a livello mondiale. Ciò che questo studio dimostra è che può invece essere possibile produrre abbastanza nutrimento per 10 miliardi di persone nel mondo e migliorare la salute delle persone anche senza eliminare la carne totalmente, ma a patto di utilizzare produzioni innovative e di adottare uno stile alimentare vario e bilanciato.

via | Repubblica

Foto da iStock

  • shares
  • +1
  • Mail