Cipolla tagliata per raffreddore e tosse sul comodino in camera: non funziona

La cipolla tagliata messa sul comodino in camera da letto per combattere tosse e raffreddore non funziona!

Cipolla tagliata per raffreddore e tosse

La cipolla tagliata messa sul comodino in camera da letto per combattere raffreddore e tosse funziona davvero? E' un rimedio molto popolare che spesso viene utilizzato nella speranza che possa fare qualcosa per tenere lontani i malanni di stagione. Ma gli esperti dell'Istituto superiore di sanità frenano gli entusiasmi: messa vicino al letto la cipolla non previene il raffreddore.

L'osservatorio dell'ISS, realizzato in collaborazione con AdnKronos Salute, smonta una delle bufale più longeve della rete. Quella delle cipolle contro il raffreddore.

Le cipolle sono spesso usate come rimedio naturale contro tosse e raffreddore. Si pensa infatti che posizionando accanto ai lettini dei bambini delle fette di cipolla, queste sarebbero in grado di attirare i microbi.

Dicono gli esperti dell'Istituto Superiore di Sanità, che poi aggiungono:

Il falso mito, così come riportato in rete, risalirebbe ai primi anni del 1900 quando un medico avrebbe incontrato una famiglia di contadini sfuggita all'influenza per aver posizionato cipolle aperte nella propria dimora, e sostenendo come ogni fetta avesse intrappolato in sé virus e batteri. In realtà non esistono 'magneti batterici', perché i microbi si propagano ad esempio attraverso gocce di liquido biologico (gli starnuti) o attraverso contatti diretti. Non esistono cibi che attraggono i microbi.

Quindi le cipolle tagliate non sono miracolose per prevenire raffreddore e tosse. Ma non sono da buttare via, ovviamente.

Se assunta con l'alimentazione, infatti, la cipolla ha molti benefici. Contiene ferro, fosforo, calcio che aiutano contro la stanchezza di mente e corpo, mentre zinco, sodio e potassio mantengono i tessuti elastici. Inoltre la cipolla potrebbe aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari, a tenere sotto controllo la pressione arteriosa e il colesterolo.

Foto iStock

  • shares
  • +1
  • Mail