Influenza intestinale 2018: i sintomi

Ecco quali sono i sintomi dell’influenza intestinale e i rimedi più adatti.

Influenza intestinale 2018

Influenza intestinale 2018: quali sono i sintomi? E quali i rimedi più efficaci? Durante i cambi di stagione, è particolarmente diffuso il problema dell’influenza intestinale, che può riguardare le persone di tutte le età. A causare l’influenza intestinale (il cui nome corretto è gastroenterite virale) sono virus appartenenti a diverse famiglie. Purtroppo si tratta di una condizione particolarmente contagiosa, che comporta lo sviluppo di sintomi molto spiacevoli, primi fra tutti diarrea liquida, nausea e/o vomito.

Abbiamo visto che l’influenza intestinale può colpire chiunque, ma a prestare maggior attenzione dovrebbero essere, in particolar modo gli anziani, i bambini e le persone che hanno un sistema immunitario debole o che soffrono di altre patologie.

Oltre ai sintomi già citati, l’influenza intestinale può causare altri disturbi, come dolori addominali, debolezza, sensazione di malessere generale, inappetenza, capogiri. Talvolta potrebbe presentarsi anche qualche linea di febbre, brividi e dolori muscolari.

Influenza intestinale: come curarla


Ma come fare a curare l’influenza intestinale o quantomeno ad alleviare i sintomi? Generalmente i sintomi spariscono dopo 2/5 giorni, o al massimo entro una settimana. Qualora diarrea e vomito non dovessero passare dopo un paio di giorni, sarà necessario contattare il medico.

Per alleviare i sintomi dell’influenza intestinale sarà inoltre importante assumere molti liquidi, in modo da contrastare la disidratazione. Sarà fondamentale stare a riposo, in modo da permettere al corpo di guarire, e seguire una dieta adatta, che comprenda soprattutto alimenti come riso, fette biscottate e mais, zucchine, carote bollite, mele, banane, parmigiano, petto di pollo e così via. Anche i fermenti lattici vivi potranno essere utili per ridurre i sintomi dell’influenza intestinale come diarrea e dolore allo stomaco.

via | Uwell, CorrettaInformazione

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail