Gravidanza: i rischi per il bambini aumentano se il padre è over 35

I rischi per i neonati aumentano se il padre ha più di 35 anni? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Gravidanza padri

I figli nati da padri con più di 35 anni corrono un maggior rischio di avere problemi alla nascita, come basso peso e convulsioni. Questo è ciò che emerge da un nuovo studio pubblicato dai membri della Stanford University School of Medicine, i quali hanno constatato che l'età del padre può influenzare persino la salute della madre durante la gravidanza.

 

Tendiamo a considerare i fattori materni nella valutazione dei rischi associati alla nascita, ma questo studio dimostra che avere un bambino sano è uno sport di squadra, e che anche l'età del padre contribuisce alla salute del bambino.

Gli autori dello studio hanno valutato più di 40 milioni di nascite, ed hanno scoperto che i bambini nati da padri di "età avanzata" (che equivale approssimativamente a più di 35 anni) correvano un rischio maggiore di esiti avversi, come basso peso alla nascita, convulsioni e necessità di ventilazione subito dopo la nascita.

In generale, maggiore è l'età di un padre, maggiore è il rischio. Ad esempio, gli uomini over 45 avevano il 14% in più di probabilità di avere un bambino nato prematuro, e quelli over 50 avevano il 28% di probabilità in più di avere un figlio che richiedeva l'ammissione al reparto di terapia intensiva neonatale. I dati suggeriscono inoltre che, una volta che un papà ha raggiunto i 35 anni, il rischio per il bambino aumenta con l’avanzare dell’età, ma non solo!

Ciò che è stato davvero sorprendente è che sembrava esserci un'associazione tra l'età paterna avanzata e la possibilità che la madre sviluppasse il diabete durante la gravidanza. Avere una migliore comprensione del ruolo biologico del padre sarà ovviamente importante per la prole, ma potenzialmente anche per la madre.

via | MedicalXpress

Foto da iStock

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 8 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail