Per combattere l'acne in Italia apre un nuovo centro

In Italia apre il Centro SOS Acne, per aiutare coloro che soffrono di questa malattia.

Acne sos

L’acne é un problema che non riguarda solamente gli adolescenti, ma anche le persone adulte. Si tratta purtroppo di una condizione che può compromettere il benessere psicologico di chi ne soffre, aumentando il rischio di soffrire di depressione e di altri disturbi psicologici. Lo sanno bene i membri dell’Istituto Dermopatico dell'Immacolata (IDI), che da poche settimane ha aperto un nuovo centro dedicato proprio al trattamento dell'acne.

Si tratta dell’ambulatorio "SOS Acne", che ha aperto i battenti il 16 ottobre 2018, e in cui diverse figure professionali mediche e scientifiche dell'Ospedale romano aiuteranno coloro che soffrono di questa condizione della pelle.

Presso le strutture dell'IDI sono state effettuate circa 10.000 visite solo negli ultimi 30 mesi, a conferma del fatto che quello dell’acne è un problema davvero molto diffuso. Come abbiamo detto, la maggior parte delle persone colpite sono giovani e adolescenti (più del 30% del totale), ma circa il 10% delle persone che si sono sottoposte alle visite di controllo appartiene alla fascia di età dei 40-45 anni.

Annarita Panebianco, direttore sanitario di IDI spiega che negli ultimi anni è emersa con maggiore chiarezza la complessità di questa malattia.

Non solo i sintomi, ad esempio, bruciore, irritazione, ipersensibilità all'acqua, sono più intensi di quelli di altre malattie importanti quali il lichen sclerosus, la rosacea e le micosi cutanee, ma l'impatto dell'acne sulla sfera psicosociale è addirittura superiore a quello della psoriasi, della dermatite atopica e dell'orticaria.

Dal momento che soffrire di acne è collegato a un più alto rischio di depressione, nel centro 'Sos Acne' sarà possibile trovare anche un sostegno psicologico, con indicazioni utili non solo per migliorare la salute della pelle, ma anche per migliorare il proprio stile di vita e il proprio benessere fisico e mentale.

via | Ansa
Foto da iStock

  • shares
  • +1
  • Mail