Ministero della Salute ritira lotto di scamorza: dopo il tonno, rischio anche per il latticino a fette

Un lotto di scamorza affumicata ritirato dal mercato per allarme Escherichia Coli

Ritirata scamorza Coop

Tempi cupi per i prodotti edibili confezionati. Dopo che il Ministero della Salute ha ritirato un lotto di tonno in scatola a marchio Mareblu per potenziali criticità in fase di produzione, che avrebbero compromesso l'integrità delle lattine degli stock da 6 e da 12, ora nel mirino c'è la scamorza a fette di due note aziende.

Sotto osservazione per rischio di contaminazione da Escherichia Coli ci sarebbero la scamorza di latte vaccino della Coop e la scamorza bianca Cuor di Fette di Parmareggio. Le analisi dell’Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno avrebbero accertato la presenza del batterio, produttore di Shiga-tossina (Stec), all'interno del formaggio esaminato.

Scamorza ritirata Ministero

Sia per il tonno, sia per le scamorze, i lotti da restituire nel punto vendita dove sono stati acquistati sono i seguenti:

  • Tonno Mareblu all'olio di oliva, data di scadenza 05/01/2023, confezioni da 12x80 grammi e 6x80 grammi, prodotte nello stabilimento PO BOX 676 - FISHING PORTVICTORIA, MAHE' (SEYCHELLES). Qui il link con tutti i dettagli per identificare le confezioni critiche
  • Scamorza Coop: lotto numero 25L18341 con data di scadenza 08/11/2018; lotto numero 25L18345 con data di scadenza 12/11/2018
  • Scamorza Parmareggio: lotto numero 25L18345 con data di scadenza 12/11/2018; lotto numero 25L18345 con data di scadenza 17/11/2018

Qui il link cliccabile per i lotti di scamorza.

Per qualunque informazione extra si possono contattare i due numeri verdi dedicati 800.805580 e 800.456500, dove sarà possibile ricevere tutte le risposte ad eventuali dubbi su

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail