I rimedi per la depressione da cambio di stagione: la prima colazione

Combattere la depressione autunnale è possibile grazie a una sana colazione? Ecco cosa rivela un nuovo studio.

Colazione

Combattere la depressione che ci assale durante questo particolare periodo dell’anno è possibile, anche grazie a una sana colazione. A confermarlo è l’indagine condotta dall'Osservatorio Doxa – AIDEPI “Io comincio bene”, che ha realizzato un lavoro incentrato sugli italiani, ed ha scoperto che proprio il primo pasto della giornata potrebbe darci la spinta giusta per affrontare l’autunno, e ancor più l’inverno, con la giusta energia. In questo periodo dell’anno rischiamo infatti di andare incontro a dei cali energetici fisici e mentali, e ciò accade per via della riduzione delle ore di luce e della temperatura, ma anche perché molti di noi ritornano in città, a vivere fra smog e confusione.

Tutto ciò non può che causare malessere, con sintomi che possono colpire sia a livello psicologico che a livello fisico. AIDEPI fa sapere, ad esempio, che il 64% degli italiani avverte un senso di stanchezza e spossatezza fisica, problemi di insonnia e disturbi del sonno (38%), malumore (32%) e stress (30%).

Ma come fare ad affrontare in modo sano questo periodo dell’anno, e tenere alla larga depressione e spossatezza? Secondo gli esperti, dovremmo in primis dedicare maggiore attenzione all'alimentazione e, in particolar modo alla colazione.

La prima colazione

spiega Michelangelo Giampietro, nutrizionista e medico dello sport

deve essere considerata un vero pasto, completo di tutti i nutrienti (acqua, carboidrati, proteine, grassi, vitamine e sali minerali), leggero e digeribile. Se al mattino si è inappetenti si può tamponare con un caffè e due biscotti, per poi consumare qualcos’altro appena arrivati a scuola o sul luogo di lavoro, oppure lungo il percorso.

La prima colazione dovrebbe essere composta inoltre per la maggior parte da carboidrati, che oltre a rifornire l’organismo di energia, regalano una sensazione di benessere e influiscono positivamente sull’umore, perché favoriscono la produzione di serotonina. Infine, gli esperti spiegano che, sebbene come regola generale valga quella di scegliere un’alimentazione varia, a colazione, se tendete a non avere molto appetito, potrete mangiare ciò che più gradite, purché mangiate qualcosa.

Ma a conti fatti, cosa dovremmo mangiare al mattino?

Pane o biscotti, ma anche qualcosa di più goloso come le classiche merendine o dolci fatti in casa. Perfette anche le fette biscottate, da accompagnare,

spiegano gli esperti

con un velo di marmellata, miele o crema spalmabile alle nocciole e al cacao ma anche cereali da prima colazione o del muesli e frutta fresca di stagione. Grazie al contenuto di fibre, acidi grassi essenziali, vitamine e sali minerali la frutta secca può essere un ingrediente contemplato nel menù del mattino ma anche come snack durante la giornata o aggiunta a pranzo e cena. In autunno alcuni tipi di frutta secca come mandorle e noci sono anche di stagione: un motivo in più per approfittarne.

Foto da iStock

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 14 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail