Mangiare carne rossa aumenta il rischio di cancro al seno

Mangiare carne lavorata può aumentare il rischio di cancro al seno. Lo rivela un nuovo studio.

Carne rossa

Mangiare carne lavorata è collegata a un rischio maggiore di sviluppare il cancro al seno. Questo è ciò che emerge da un'analisi pubblicata sull’International Journal of Cancer, i cui autori spiegano che i precedenti studi sul consumo di carne rossa e lavorata e sul rischio di cancro al seno hanno prodotto risultati incoerenti. Per questa ragione, gli esperti hanno dunque esaminato 15 precedenti studi, ed hanno constatato che il consumo di carne lavorata è stato associato a un rischio di cancro al seno del 9% più alto.

I ricercatori non hanno invece osservato alcuna associazione significativa tra l’assunzione di carne rossa non lavorata e il rischio di cancro al seno.

I lavori precedenti collegavano un aumento del rischio di alcuni tipi di cancro al consumo di carne più elaborata

spiegano gli autori dello studio, che sottolineano che la loro meta-analisi suggerisce che il consumo di prodotti trasformati a base di carne, come ad esempio salame, würstel e pancetta, potrebbe effettivamente aumentare il rischio di sviluppare questa malattia.

Alla luce di quanto emerso, gli esperti consigliano dunque di ridurre l’assunzione di carne processata (già risultata collegata, tra l’altro, a un maggior rischio di sviluppare altri tipi di cancro, come quello al colon ad esempio) in modo da prevenire lo sviluppo del cancro al seno.


via | ScienceDaily

Foto da iStock

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail