Assorbenti interni, 5 cose che dovresti evitare

Qualche consiglio per usare in sicurezza gli assorbenti interni e soprattutto per evitare possibile complicanze.

Gli assorbenti interni sono molto pratici ma bisogna fare attenzione ad alcune semplici regole che permettono di prevenire problemi igienici ma anche quella che viene chiamato choc tossico, una malattia potenzialmente mortale e rara. Ecco quindi alcune cosa da evitare.

Buttare i tamponi nel water. Si deve avvolgere il tuo tampone usato nella carta igienica e gettarlo nel cestino. Tampax ha persino reso i loro tamponi biodegradabili, quindi, sapete, negli anni a venire non ci saranno montagne di tamponi nelle discariche.

Dormire con il tampone. Non dovresti lasciare il tampone per più di otto ore, secondo praticamente tutti i produttori di tamponi. Gli operatori sanitari, per evitare la sindrome da choc tossico, ti invitano a cambiarlo ogni 4 ore.

Puoi fare pipì con il tampone, sarebbe meglio che lo cambiassi dopo. L'urina esce da un foro (la tua uretra) e il sangue del periodo esce da un'altra apertura (la tua vagina). I tamponi vanno nella tua vagina per fermare il flusso sanguigno, ma non interferiscono affatto con l'uretra. Il consiglio è però quello di cambiarsi, soprattutto per non avere la cordina bagnata.

Usa gli assorbenti interni solo i primi giorni di ciclo. Evita se le perdite sono modeste o sta per finire il periodo di usare i tamponi.

Riciclare l’applicatore. Tamponi e applicatori non vanno lavati e entrambi sono usa e getta. L’unica cosa che devi lavare prima e dopo sono le tue mani.

  • shares
  • +1
  • Mail