Funghi, 10 regole per mangiarli in sicurezza

Ecco un decalogo del Centro antiveleni dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma per consumare i funghi senza rischi.

I funghi sono buoni, sono ipocalorici, ma sono anche pericolosi, soprattutto se non si conoscono. Le intossicazioni sono sempre numerose ed è per questo che gli esperti del Centro antiveleni dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma hanno stilato un importante decalogo.


  • 1) Non raccogliere i funghi se non si è in possesso del tesserino autorizzativo
  • 2) Tutti i funghi raccolti - e non acquistati - vanno sottoposti al controllo di commestibilità degli Ispettorati micologici delle Asl, disponibili in tutto il territorio nazionale
  • 3) Per la raccolta utilizzare contenitori idonei e aerati come i cestini. Non usare buste di plastica
  • 4) Non consumare funghi raccolti lungo le strade o in luoghi che potrebbero essere contaminati (industrie, campi agricoli)
  • 5) Non è vero che i funghi che crescono su gli alberi non sono tossici
  • 6) Consumare funghi in quantità moderate
  • 7) Cuocere i funghi sempre senza coperchio allo scopo di far evaporare le tossine termolabili
  • 8) Nei funghi sott’olio si può sviluppare la tossina botulinica: attenzione alla conservazione
  • 9) Non somministrare funghi a bambini in età prescolare, per la loro immaturità digestiva verso questi alimenti
  • 10) Non ingerire funghi in gravidanza

  • .

Marco Marano, responsabile del Centro antiveleni del Bambino Gesù, ha commentato:

"Una buona parte di queste intossicazioni non è dovuta all’ingestione di funghi velenosi, ma a un uso scorretto di questo alimento. Spesso, infatti, i funghi vengono mangiati senza un'adeguata cottura, in cattivo stato di conservazione, in fase troppo avanzata di maturazione o in eccessiva quantità. Un fungo commestibile non deve assolutamente essere mangiato se sono presenti segni di decomposizione, a causa di alcune proteine pericolose (putrescina, cadaverina e istamina) che si formano proprio durante la fase di maturazione/decomposizione".

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail