Dieta senza latticini: i consigli per eliminare il lattosio dalla propria alimentazione

Eliminare i latticini dalla propria alimentazione può essere una scelta etica o di salute, causata da intolleranza alimentare al lattosio

Dieta senza latticini

Che sia per motivi etici o salutistici, sempre più persone scelgono una dieta senza latticini, fondamentale per chi deve fare i conti con la sempre più diffusa intolleranza al lattosio. Questo zucchero può provocare, nei soggetti sensibili, problemi a livello cutaneo e gastrointestinale, con difficoltà di digestione, acidità gastrica, gonfiore addominale, flatulenza, dissenteria e anche eruzioni cutanee, rendendo difficile la gestione quotidiana delle proprie attività, siano esse lavorative o sociali.

Ma i latticini sono spesso banditi anche dalla tavola di chi, pur non essendo intollerante, soffre della sindrome del colon irritabile, una patologia che esige una dieta piuttosto leggera, priva di sostanze potenzialmente irritanti, difficili da digerire e ad alto contenuto di grassi, come i formaggi o gli insaccati.

Tuttavia, una dieta senza latticini, specie per chi è abituato a consumarli giornalmente, può non essere semplice da seguire. Ma soprattutto, proprio per una questione di iniziale disattenzione ai dettagli, può essere che la presenza del lattosio all'interno dei cibi confezionati sfugga al nostro controllo, vanificando ogni sacrificio.

Se vogliamo seguire un regime alimentare lactose free senza rischiare di cadere nelle trappole dei cibi trasformati, ma anche senza patire troppo la mancanza di latte, burro e formaggi, ecco qualche consiglio utile, che rende più semplice ed efficace la nostra dieta senza latticini.


  • I sostituti del latte - Il primo scoglio da superare è certamente eliminare il normale latte vaccino, scegliendo alternative lactose free. Oltre ai prodotti delattosati possiamo utilizzare le bevande vegetali, come il latte di soia, di avena o di mandorla, che sono certamente prive di lattosio.

  • Prodotti confezionati vegani - In commercio esistono ottimi prodotti per vegani, che vanno quindi bene anche per chi sta seguendo una dieta senza latticini. Margarine, formaggi vegetali, ma anche biscotti e merendine confezionate che riportano la scritta "vegan" sono sicuramente privi di ingredienti di origine animale, di conseguenza anche di lattosio.

  • Leggere le etichette - Una buona regola quando si ha un'intolleranza, compresa quella al lattosio, è di leggere fino in fondo le etichette dei cibi confezionati. Oramai gli allergeni sono scritti in grassetto per fare in modo che saltino subito all'occhio ed è quindi più semplice non sbagliare.

  • Pianificare in anticipo la spesa - Quando si cambia dieta uno dei problemi principali è non avere la dispensa attrezzata al nuovo regime alimentare. Pianificare spesa e menù settimanale, soprattutto nei primi periodi di assestamento, aiuta a fare tutto in modo più semplice.

  • Attenzione alle cene fuori - Purtroppo i latticini sono davvero ovunque. Li si trova in pizze e focacce, nei risotti e persino in alcuni condimenti di carne e pesce. Quando siamo a cena fuori possiamo scegliere ristoranti dove c'è un menù vegano o per intolleranze, dove possiamo consumare i nostri pasti senza timore di mangiare qualcosa che non dobbiamo, oppure telefonare al locale per allertare del nostro problema. Lo chef avrà in questo modo il tempo per studiare qualche alternativa che ci venga incontro.

  • Restare aggiornati sulle novità - Le intolleranze sono un problema sempre più frequente, ma questo fa sì che le aziende dell'industria agroalimentare siano sempre più pronte a sfornare novità per le nuove esigenze della propria clientela. Restare aggiornati ci aiuta ad avere sempre più scelta, rendendo più semplice la nostra rinuncia ai latticini.

  • Valutare i risultati - Qui la parte più bella di ogni dieta e rinuncia alimentare, la valutazione dei risultati. Dopo già 15-20 giorni dalla messa al bando degli alimenti allergizzanti potremo notare una pelle più luminosa, una digestione più veloce e meno acidità di stomaco. Man mano che andiamo avanti col nuovo regime i risultati saranno sempre più evidenti, spariranno anche gonfiore, nausea e mal di testa, rendendo meno ardui i sacrifici a tavola e dandoci la giusta motivazione per continuare.

Foto | iStock

  • shares
  • +1
  • Mail