Il burro di karitè rimedio per le scottature al viso

Tendenti alla couperose, pelle sottile, con problemi circolatori e ritenzione idrica. E’ questo l’identikit delle persone che tendono a scottarsi in particolare nella zona del contorno occhi e del naso. In questo caso l’alleato migliore è senza dubbio il burro di karitè. Il karitè è un grasso altamente valorizzato dalle popolazioni indigene e viene tradizionalmente usato in forma pura per la cura del corpo, come farmaco e anche come alimento.

Ricco anche di vitamine e sostanze insaponificabili, il karitè mantiene la pelle elastica e giovane. Ha proprietà ammorbidenti e curative ed è adatto in particolare per la secchezza cutanea e gli eritemi che possono interessare la zona del contorno occhi e del naso. La sua ricchezza d’idrocarburi insaturi fa di esso una componente utilizzabile per gli schermi UV, per i quali estende la sua barriera protettiva fino alle onde più corte. Applicato prima dell’esposizione ai raggi solari, sotto il normale filtro solare, protegge ancora di più la pelle contro l’eritema.

In caso di bisogno si applica sciogliendone una piccola quantità nel cavo della mano ed applicandolo più volte al giorno intorno agli occhi ed alle zone scottate. Si lascia in posa, senza eliminare l’eccesso sino alla successiva applicazione. Insomma un prodotto davvero efficace, che può anche essere usato come crema notte, dopo che tornate dalle vostre giornate sotto il sole, per contrastare il formarsi di rughe e l'odioso spellarsi.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail