Ad Amsterdam aprirà il primo Health Food Wall: il cibo della macchinetta diventa sano

Presto sorgerà ad Amsterdam il primo Health Food Wall, con cibo salutare e adatto alle intolleranze

Amsterdam wall vegano

Se pensavamo che il cibo della macchinetta fosse solo quello che, per pochi euro, ci riempie di grassi idrogenati, zuccheri e coloranti di varia natura, prepariamoci a cambiare idea in modo drastico. Ad agosto ad Amsterdam arriva una novità interessante, che potrebbe colonizzare anche il resto dell'Europa. Nella capitale dei Paesi Bassi sorgerà infatti il primo Health Food Wall, un maxi muro di cibo da asporto inscatolato ed etichettato, più salutare che mai.

Fra una manciata di giorni aprirà infatti un punto vendita simile a quelli 24h/24 che già affollano le nostre città, dove però, al posto dei classici distributori automatici che propongono salatini, merendine e bevande gassate, ce ne saranno altri, molto più grandi e più ricchi, che conterranno piatti sani e bilanciati, adatti a chi ha anche esigenze alimentari particolari.

La dietologa e chef vegetariana Anouk Snelders ha notato quanto sul mercato il cibo veloce ed economico fosse anche poco sano. Da qui l'idea di colmare la lacuna, proponendo il primo Wall Health Food in risposta alle vending machine cariche di junk food, creando lei stessa tutti i piatti.

Per il momento si partirà con sei proposte complete, studiate per venire incontro a vegetariani, vegani e anche soggetti intolleranti al glutine. Nel Food Wall saranno anche presenti una serie di bevande e snack salutari, per chi al pasto più ricco, preferisce uno spuntino veloce. I clienti potranno decidere se fermarsi a consumarlo in loco, oppure portarlo via.

In un'intervista ad Het Parool, Anouk Snelders ha anche rassicurato sui costi dei piatti, che non saranno eccessivi, nonostante la qualità degli ingredienti:

Il cibo biologico e fresco è semplicemente più costoso. Ma per sette-nove euro qui da noi hai un pasto completo. Manteniamo gli ingredienti nei vassoi dei pasti il ​​più distinti possibile, ma suddivisi in mucchietti non con l'uso di plastica inutile. In più la plastica che usiamo, per salse e simili, è fatta di materiale biodegradabile

Anouk Snelders

L'idea ci piace moltissimo e non vediamo l'ora di vederla applicata, perché no, anche su vasta scala.

Via | Vegan Food & Living
Foto | Instagram - Health Food Wall

  • shares
  • +1
  • Mail