Reflusso gastroesofageo, la dieta e i consigli da seguire

Soffrite spesso di bruciori di stomaco o altri sintomi del reflusso acido? Ecco come migliorare la vostra dieta e il vostro stile di vita, per ridurre il problema.

Reflusso gastroesofageo

Soffrite spesso di reflusso gastroesofageo, con conseguenti bruciori di stomaco ed altri sintomi tipici di questa condizione? Purtroppo si tratta di un problema molto comune, che può riguardare uomini e donne di ogni età, e che può essere affrontato innanzitutto cambiando il proprio stile di vita e migliorando la propria alimentazione. Ecco dunque alcuni consigli per migliorare la vostra dieta e ridurre i sintomi del reflusso gastroesofageo:


  1. Riconoscere quali sono gli alimenti da preferire e quelli da evitare. Fra i cibi e le bevande che sembrano peggiorare il bruciore di stomaco segnaliamo: caffè o tè (sia normali che decaffeinati), tutto ciò che è frizzante o che contiene caffeina, alcool, agrumi (come arance e limoni), pomodori e pomodori secchi, salsa di pomodoro e altre salse, cioccolato, menta, cibi grassi, cibi piccanti, cipolle e aglio.

  2. Ridurre le porzioni: mangiate più spesso, ma riducete le porzioni. Pasti più piccoli sono più facili da digerire e riducono il rischio di soffrire dei sintomi del reflusso.

  3. Smettere di mangiare prima di sentirsi troppo pieni, e mangiare più lentamente

  4. Smettere di mangiare almeno 2 ore o 3 ore prima di coricarsi.

  5. Quando andate a dormire, cercate di tenere la testa in posizione rialzata rispetto allo stomaco, aiutandovi magari con un apposito supporto per sollevare il materasso

  6. Non indossare abiti o cinture strette. Spesso, la pressione extra intorno alla pancia aumenta il reflusso acido

  7. Se siete in sovrappeso, perdere alcuni chili aiuta a ridurre i sintomi del reflusso

  8. Smettere di fumare: questo dannoso vizio può infatti aggravare significativamente i sintomi del reflusso.



via | WebMd
Foto da iStock

  • shares
  • Mail