Quali sono le barrette proteiche migliori e come sceglierle

Le barrette proteiche non sono tutte uguali e infatti alcune sono più salutari e migliori di altre

Barrette proteiche migliori

Ci aiutano a nutrire i muscoli senza appesantirci dopo l'attività fisica, a volte svolgono azione di pasto sostitutivo (anche se bisogna fare attenzione a che non diventi una regola) e spesso diventano un rompidigiuno bilanciato di metà mattina o metà pomeriggio, quando il cervello ha bisogno di un po' di energia e sprint per arrivare senza deficit di attenzione ai pasti principali.

Stiamo parlando ovviamente delle barrette proteiche, amiche di ogni sportivo, ma non soltanto. Però facciamo attenzione in fase di acquisto, perché non tutti i prodotti sono uguali e soprattutto non sono tutti salutari.

Per scegliere le barrette proteiche migliori, occhio all'etichetta, che ci dice esattamente cosa stiamo andando a consumare. In particolare facciamo attenzione alle cinque variabili descritte qui di seguito, che ci spiegano come leggere le tabelle nutrizionali e capire le qualità del prodotto.


  1. Ingredienti - Una buona barretta proteica non ha mai una lista particolarmente lunga, salvo che non sia arricchita con ulteriori vitamine e minerali. Di sicuro passiamo oltre se nella lista troviamo coloranti e più tipologie di dolcificanti.

  2. Calorie - Attenzione alle calorie e soprattutto attenzione a come le leggiamo, visto che spesso i valori di riferimento sono per 100gr di prodotto e non per porzione. In linea di massima, trattandosi di "snack", le barrette non dovrebbero mai superare le 500Kcal cadauna, salvo che non siano esplicitamente sostitutive di un pasto.

  3. Carboidrati/zuccheri - Attenzione alla distinzione carboidrati/zuccheri, dove i primi sono a lento rilascio e gli ultimi a rilascio immediato. In ogni caso le barrette proteiche dovrebbero contenere pochi grammi di carboidrati e ancora meno zuccheri. Ricordiamoci poi di verificare anche la presenza di fibre, che non deve mai essere inferiore ai 5gr per rallentare proprio l'assorbimento dei glucidi.

  4. Proteine - Le barrette proteiche sono ben diverse da quelle energetiche classiche, quindi i livelli di proteine non devono mai essere inferiori ai 10gr per razione. L'ideale sarebbe fra i 15 e 25gr.

  5. Grassi - I grassi sono un focus point su cui concentrarsi. Nelle barrette proteiche dovrebbero derivare principalmente da frutta secca, come noci, arachidi e anacardi. Ma occhio, perché i lipidi rallentano l'assorbimento di glucidi e proteine, quindi se consumiamo le protein bars per recupero post esercizio fisico, facciamo attenzione a scegliere prodotti che non abbiano un carico lipidico eccessivo. Se invece il nostro snack serve a mantenerci sazi più a lungo, va bene anche un prodotto un pochino più grasso.

  • shares
  • Mail