Sindrome di Peter Pan: come comportarsi e come guarire

Cos'è la Sindrome di Peter Pan? Ecco come si riconosce, come guarire e come comportarsi con chi ne soffre.

sindrome peter pan

Cos'è la Sindrome di Peter Pan? E' quell'insieme di comportamenti e di atteggiamenti che portano una persona adulta a comportarsi come se fosse ancora un bambino. Proprio come faceva il celebre personaggio letterario e cinematografico che non voleva crescere mai. Chi ne soffre è proprio come lui, un uomo che non vuole crescere, che non vuole rendersi responsabilità, immatura, che scappa dalla realtà per non affrontare da adulto la vita.

E' l'eterno Peter Pan che vive solitamente senza regole, perché magari non ne ha mai avute, che non vuole diventare grande, che si comporta proprio come un bambino. Come comportarsi di fronte a una persona di questo tipo? E come si guarisce dalla Sindrome di Peter Pan?

Cos'è la Sindrome di Peter Pan


Le cause della Sindrome di Peter Pan possono essere moltissime. C'è chi sostiene che alla base ci siano genitori che non hanno saputo imporre regole e limiti ai propri figli, cresciuti nella convinzione che potrannof are tutto quello che vorranno, che non sanno come reagire alle difficoltà della vita perché c'è chi ci ha pensato sempre per loro, che non riescono ad accettare che l'età dell'infanzia e dell'immaturità ha una fine ben precisa.

La Sindrome di Peter Pan si può facilmente riconoscere. Chi ne soffre è in difficoltà di fronte all'esistenza stessa, perché magari è cresciuto in una campana di vetro sotto la quale non è stato raggiunto da difficoltà, dolore, responsabilità, possibilità di prendere delle decisioni e di sbagliare, imparando dai propri errori. Come comportarsi con chi ne soffre? A volte mettere le persone di fronte alle proprie responsabilità non serve, perché sono bravissimi a scappare.

Le persone che ne soffrono dovrebbero iniziare, magari insieme a una figura professionale esperta, a fare un percorso di crescita per capire chi siamo, dove stiamo andando e cosa vogliamo dalla vita, ma anche per imparare a gestire emozioni e sentimenti.

Foto da Flickr di theaterpurkersdorf

  • shares
  • +1
  • Mail