Shopping e obesità, i colori dei vestiti acquistati online svelano il nostro peso

Quali sono i colori che indossi con maggior frequenza? La scelta delle fantasie è legata all’ indice di massa corporea, lo svela uno studio scozzese.

Image of fat woman choosing a dress while standing in the clothing store

Il nostro modo di vestire dice molto di noi. Secondo un studio presentato al Congresso europeo sull'obesità conclusosi da qualche giorno a Vienna, la scelta dei colori e delle fantasie è un indicatore del peso. Le donne con un indice di massa corporea (Bmi) più elevato risultano più propense ad acquistare abiti neri, blu o in generale scuri e floreali, e gonne multicolori e a pois, mentre per gli uomini la scelta ricade su pantaloni neri o bianchi.

Non è tutto. Il colore gioca un ruolo importante nell'influenzare gli stati d'animo e le emozioni: attraverso esso esprimiamo la nostra personalità, ma anche l’umore e influenziamo anche la percezione che gli altri hanno di noi. Durante la ricerca, gli esperti dell'Università di Glasgow, hanno esaminato, nell'ambito di un servizio di vendita online tra ottobre e dicembre 2017, i dati relativi a peso corporeo, altezza, taglia e colore di oltre 34.000 clienti che hanno compilato moduli di feedback.

In un arco temporale di due mesi (con diverse stagioni in diversi paesi), hanno fatto shopping più di 27mila donne e 7 mila uomini in 119 paesi acquistando capi di abbigliamento di 26 marchi diversi. Oltre la metà dei pantaloni venduti, quasi un quarto degli abiti e il 15% delle gonne sono stati acquistati da acquirenti online in sovrappeso o obesi.

L'associazione tra Bmi e taglia e colore degli indumenti è stata stimata utilizzando la regressione lineare, una forma di modellazione statistica che tiene conto di diversi potenziali fattori che potrebbero influenzare questa relazione. Non è una novità che il nero sia un evergreen non solo perché va con tutto, ma perché ci fa sembrare più magri.

  • shares
  • +1
  • Mail