Dermatite atopica, il primato europeo di casi tra adulti è italiano

L’Italia è il Paese con più casi di dermatite atopica in Europa tra gli adulti: sono più dell’8 percento le persone che ne soffrono.

eczema skin on neck

Prurito, pelle squamosa e chiazze rosse. Sono questi i sintomi più ricorrenti della dermatite atopica, una malattia infiammatoria della pelle di cui soffre l’8% degli italiani adulti. Purtroppo, si tratta di un record europeo. La notizia è stata rilevata con uno studio pubblicato dalla rivista Allergy. La dermatite atopica è un disturbo che i genitori conoscono abbastanza bene, perché colpisce 15-20% dei piccoli ma poi tende a sparire. Solo un terzo se lo porta nella crescita.

Durante la ricerca, condotta su un campione di 100mila persone adulte residenti in Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Italia, Spagna, Regno Unito e Giappone, si dimostra che la malattia colpisce anche gli adulti (che spesso non lo sanno). Giampiero Girolomoni, presentando il 93° congresso nazionale della Società Italiana di Dermatologia Medica, Chirurgica, Estetica e di malattie Sessualmente Trasmesse (Sidemast), ha commentato a Reppublica:

“Il risultato è sorprendente. L’Italia è il paese dove si registra la maggior incidenza di dermatite atopica negli adulti: l’8,1% degli intervistati ammette di soffrirne, a fronte di una media del 4,9% emersa dalla totalità del campione”.

Poi c'è un’altra questione importante. La dermatite atopica, di solito, è la prima tappa di una sequenza di malattie, come le allergie alimentari, l’asma o le congiuntivite.

“Questo vuol dire che i bambini con DA, se curati adeguatamente, hanno minore probabilità di sviluppare le altre patologie. La conferma importante è arrivata da uno studio prospettico pubblicato di recente, che ha analizzato le variabili che aumentano il rischio che i bambini con dermatite atopica sviluppino l’asma”.

Ci sono poi forme gravi di dermatite atopica che andrebbero curate con farmaci immuno-soppressori sistemici che hanno diverse controindicazioni e sono spesso poco tollerati. Il medico, però, fa sapere che l’Agenzia europea per i medicinali ha approvato una nuova terapia, che potrebbe essere la svolta per molti pazienti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO