Gli oggetti più pericolosi a rischio soffocamento

Il Ministero della Salute suggerisce quali sono le norme di comportamento per prevenire il soffocamento nei più piccoli.

bambino soffocamento

Quali sono gli oggetti più pericolosi che rischiano di far soffocare i nostri bambini? Purtroppo è notizia di poco fa di una bambina di 3 anni di Vimercate morta soffocata, probabilmente dopo aver ingerito un acino d'uva. La piccola è stata portata immediatamente all'ospedale, priva di sensi. Stabilizzata, dall'ospedale di Vimercate è stata trasferita all'Ospedale Buzzi, dove però è morta pochissimo tempo dopo.

Il Ministero della salute fa il punto sugli oggetti potenzialmente più pericolosi e sugli alimenti da non sottovalutare per il rischio soffocamento nei bambini. Oggetti potenzialmente pericolosi per i bambini con meno di 4 anni. Si tratta di alimenti o di oggetti piccoli, rotondi o cilindrici. Gli alimenti possono essere appiccicosi oppure non perdere la consistenza una volta tagliati, possono sfilacciarsi con facilità o aderire.

Ecco i 10 cibi e oggetti ai quali prestare attenzione:


  • giocattoli smontabili

  • pile al litio

  • magneti

  • detersivi

  • tappi delle penne

  • palline di ogni tipo e materiale

  • caramelle rotonde e grandi

  • pistacchi e nocciole

  • monete

  • ciondoli

  • bottoni


Il Ministero della Salute consiglia poi di pensare con la mente imprevedibile di un bambino, rendendo sicura la casa: bisogna controllare che detersivi e pastiglie per la lavastoviglie non siano alla loro portata, così come caramelle, pistacchi, nocciole, taralli. Tenete fuori dalla loro portata i telecomandi: le batterie al litio sono facilmente raggiungibili. Mettete delle molle di sicurezza nei cassetti e nelle ante degli armadi, togliete oggetti pericolosi e soprattutto i farmaci, i soldi, attrezzi come cacciativi o altro dalla loro portata.

Prestate anche massima attenzione ai giochi per bambini, soprattutto se non pensati per l'età del vostro piccolo, come ad esempio i giocattoli dei fratelli maggiori.

 

Foto iStock

  • shares
  • Mail