Lavoro sedentario e mal di schiena: ecco cosa succede al corpo stando troppo seduti

Stare troppo tempo seduti fa male non solo alla schiena, ma anche ad anche e bacino

Mal di schiena lavoro sedentario

Chi fa un lavoro sedentario lo sa bene, il legame fra una posizione seduta, tenuta continuativamente e per molte ore consecutive e il mal di schiena è un aspetto con cui è necessario fare i conti. Non è un caso che a chi svolge un lavoro da scrivania venga raccomandato di sgranchirsi le gambe e fare un po' stretching a intervalli regolari, così da patire meno i danni di una postura non naturale.

Ma cosa succede realmente al nostro corpo quando stiamo seduti per troppo tempo? La prima reazione fisica è a danno dei glutei che si indeboliscono, ma questo comporta una serie di conseguenze anche all'anca, influendo negativamente sulla rotazione del bacino e sulla stabilità pelvica.

Se il bacino non può ruotare correttamente, avviene una compressione nella parte bassa della schiena, portando dapprima a dolore momentaneo, che può tuttavia diventare cronico se non si corre ai ripari, invertendo la tendenza.

Il problema può infatti non solo peggiorare, ma anche influire sulla salute di ginocchia e caviglie. Dal punto di vista squisitamente estetico, mantenere una posizione costantemente seduta può anche rendere il fondoschiena meno tonico, facendolo apparire piatto.

Ma se al lavoro da scrivania non si può certo dire no, è anche vero che ci sono ottimi metodi per rimettere le cose a posto, migliorando la salute del corpo e limitando il mal di schiena da lavoro sedentario. La soluzione è, manco a dirlo, muoversi, facendo una regolare attività fisica.

Lo sport migliore in questi casi è il pilates, che rende tonica la massa magra, agendo in maniera mirata sulle varie fasce muscolari. Sul luogo di lavoro è importante poi usare una sedia ergonomica, regolando l'altezza in modo che i fianchi siano leggermente sopra le ginocchia e i piedi perfettamente appoggiati al pavimento.

Anche la posizione dello schermo del computer va settata in modo che sia al livello degli occhi e comunque mai al di sopra, per evitare di inclinare il collo verso l'alto. I gomiti devono essere appoggiati al tavolo, con le spalle rilassate e bisogna assicurarsi che la tastiera sia alla giusta distanza dalle braccia.

Via | Glamour
Foto | iStock

  • shares
  • +1
  • Mail