Mamma salva dopo un'operazione record e 50 arresti cardiaci in 6 giorni

Dopo 50 arresti cardiaci in soli 6 giorni, una donna di 31 è salva grazie a un intervento cardiaco delicatissimo.

Cuore salute donna

Katia ha 31 anni ed è la mamma di una bambini di 3 mesi. La sua storia è incredibile perché è salva e consapevole del rischio e della fortuna che ha corso dopo aver subito 50 arresti cardiaci in soli 6 giorni (tra il 31 marzo e il 5 aprile). Praticamente in fin di vita per un malore dovuto a cellule del cuore impazzite, la donna è stata trasportata a Milano con un aereo militare messo a disposizione dalla Regione Campania ed è stata operata con una tecnica mai eseguita prima.

«Sono felice di avere la possibilità, insperata, di crescere mia figlia, dopo che all’improvviso alcune cellule del mio cuore sono impazzite, mentre ero in vacanza a Napoli per Pasqua».

Ha raccontato la giovane mamma. Katia è stata trasferita al Policlinico San Donato con un aereo militare con un team di rianimatori che devono fare fronte con il defibrillatore ai numerosi arresti cardiaci che si verificano anche durante il volo. A Milano è accolta da uno staff medico in aeroporto e in ospedale è pronta la sala di elettrofisiologia.

«La grave aritmia di Katia è una fibrillazione ventricolare provocata da alcune cellule impazzite nel sistema elettrico del cuore. Bisogna eseguire un’ablazione particolare, difficile ma possibile. Bisogna raggiungere il punto esatto ed intervenire. L’operazione è eccezionale perché per agire ci sono solo pochi secondi a disposizione, tra una fibrillazione e l’altra. Nel mondo, questo intervento è già stato eseguito, ma il bersaglio era fisso e la fibrillazione era avvenuta in precedenza, nei giorni o nei mesi precedenti, consentendo dunque una precisa localizzazione del problema».

Ha raccontato il dottor Carlo Pappone al Corriere della sera. Per fortuna l’intervento è riuscito e non ci sono state conseguenze neurologiche.

  • shares
  • +1
  • Mail