Dieta chetogenica: lo schema d'esempio, gli alimenti concessi e le controindicazioni

La dieta chetogenica, nata per il trattamento di alcune patologie, si è dimostrata efficace anche per il dimagrimento, ma attenzione agli effetti collaterali

Dieta chetogenica schema

Quando parliamo di dieta chetogenica, facciamo riferimento ad un regime alimentare di tipo privativo, che rovescia la classica piramide alimentare della dieta mediterranea, eliminando del tutto i carboidrati e gli amidi di pasta, pane e riso.

Al contrario, alla base di questo piano dietetico, troviamo grassi e proteine, che servono appunto a stimolare l'organismo a produrre chetoni. In poche parole, la dieta chetogenica si basa su un principio molto semplice: non si forniscono al corpo le sostanze energetiche di cui ha bisogno dall'esterno, costringendolo ad agire per via interna e più precisamente stoccando energia dai pannelli adiposi.

Il fisico dà quindi fondo alle riserve, andando ad intaccare i depositi di grasso. Per questa ragione la dieta chetogenica, nata per il trattamento di patologie metaboliche, per contenere i picchi glicemici, o dell'epilessia nei bambini, quando le cure farmacologiche non si dimostrano efficaci, è ad oggi seguita per dimagrire, stimolando il corpo a liberarsi degli accumuli di adipe e ottenendo risultati visibili anche in tempi brevi.

Dieta chetogenica: controindicazioni, effetti collaterali e sintomi

Dieta chetogenica controindicazioni

Ovviamente la dieta chetogenica non è esente da controindicazioni e anzi, andrebbe fatta sotto controllo medico per evitare problemi per la salute. Il primo effetto collaterale di questo piano alimentare è la spossatezza, seguito da alito cattivo e sudore pungente (a causa dei corpi chetonici in circolo), ma anche maggior desiderio di urinare, senso di sete e arsura delle fauci.

Se non correttamente condotta, la dieta chetogenica può anche degenerare. Quando i corpi chetonici sono infatti superiori ai limiti di guardia, si possono affaticare i reni, sperimentare nausea, vertigini e anche crampi muscolari. Per questo motivo è essenziale misurare sempre i livelli di chetonuria con le apposite strisce reattive per sangue e urina e seguire la dieta per periodi non superiori ai 20-30 giorni al massimo.

Dieta chetogenica: schema d'esempio e alimenti concessi

Dieta chetogenica tabella

Come già detto, la dieta chetogenica ha uno schema alimentare molto semplice, che basa tutto su un piano quotidiano di tipo 20-5-75, che può ulteriormente variare nella sua ultima parte, arrivando anche all'80% dei grassi assunti. Il 20% sono le proteine e il restante 5 i carboidrati, derivanti esclusivamente da frutta e verdura.

Alla base della dieta chetogenica ci sono grassi animali e vegetali, come burro, panna, olio d'oliva, con proteine "pesanti" date da carne rossa, uova, formaggi stagionati, seguite dalle proteine magre di yogurt, formaggi freschi, carni bianche e pesce. Fra gli alimenti concessi anche la frutta a guscio, come mandorle, noci e nocciole.

Da consumare in maniera moderata frutta e verdura, che occupano quasi il vertice della piramide alimentare chetogenica. In cima troviamo invece uno scompartimento vuoto, dato da dolci, pizza, pasta, riso e cereali, pane e patate, considerati alimenti proibiti e quindi da eliminare dallo schema giornaliero.

Sono da considerarsi off limits anche le bibite zuccherate, i succhi di frutta confezionati, le bevande gassate e gli alcolici. Sono invece permessi i drink in commercio studiati appositamente per chi segue un regime alimentare chetogenico, che non contengono zuccheri e sono quindi adeguati.

Foto | iStock

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO