Psicologia: ecco perché certe volte è meglio non dire “mi dispiace”

Essere rifiutati non fa piacere a nessuno, ma certe volte ricevere delle scuse può solo peggiorare ulteriormente il nostro umore. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Chiedere scusa

Psicologia - Essere rifiutati non fa piacere a nessuno, ma certe volte ricevere delle scuse può solo peggiorare la situazione. A suggerirlo è un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Psychology, secondo cui sentirsi dire “mi dispiace” da una persona che ci ha fatti sentire rifiutati può avere un effetto negativo.

Contrariamente alla credenza popolare, le scuse non ammorbidiscono il peso del rifiuto

spiegano infatti gli autori dello studio.

Spesso, quando una persona ci rifiuta (ad esempio dicendoci che non possiamo uscire insieme a lei e ai suoi amici) aggiunge delle scuse, per ridurre al minimo il dispiacere arrecato alla persona rifiutata, ma nonostante le buone intenzioni, questo tipo di comportamento farebbe sentire ancor peggio la persona che viene esclusa.

Da alcuni test condotti su un campione di volontari sarebbe infatti emerso che un rifiuto accompagnato da parole di scuse avrebbe fatto sentire peggio il destinatario di tali parole. Questo è ancor più comprensibile se si considera il fatto che le persone non amano ammettere di essersi sentite ferite o di aver sofferto a causa di un rifiuto.

via | ScienceDaily

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail