Come curare le scottature solari con l'olio di cocco

Ecco come usare l’olio di cocco per proteggere la nostra pelle dopo una scottatura solare.

Estate è sinonimo di mare, relax e divertimento, ma è anche sinonimo di scottature solari e arrossamento della pelle. Fra i rimedi che possono regalarci un po’ di sollievo, troviamo senza dubbio l’olio di cocco, un rimedio naturale dalle tante proprietà benefiche. Questo alleato è infatti ottimo per idratare la pelle, per alleviare il prurito provocato dalle scottature, e per ridurre l’infiammazione, grazie alla ricca presenza di antiossidanti. Ma come fare a usare l’olio di cocco per coccolare e curare la pelle dopo una scottatura?

In primo luogo, se vi siete appena scottate al sole, sarà importante fare una doccia fresca ed applicare una buona crema idratante. Prima di applicare l’olio di cocco (vi consigliamo di acquistare quello spremuto a freddo) attendete almeno un giorno.

Una volta che la pelle avrà cominciato a guarire, applicate l'olio di cocco come rimedio idratante. Questo tipo di olio potrà essere applicato da solo o in combinazione con un altro “ingrediente” benefico per la pelle, come ad esempio delle gocce di olio essenziale di lavanda o del gel di aloe vera.

Se la vostra pelle presenta delle bolle dovute alla scottatura, evitate di applicare l’olio di cocco, ed evitate di fare ricorso a dei rimedi senza prima aver chiesto consiglio a un medico. Le bolle sono un segno di scottatura grave, e non devono essere sottovalutate, ma devono anzi essere sottoposte all’attenzione del medico, specialmente se accompagnate da altri sintomi, come brividi, mal di testa o febbre.

via | MedicalNewsToday

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail