Le cause della pressione bassa e alcuni rimedi efficaci

Si parla di pressione bassa quando il flusso di sangue è troppo basso per fornire ossigeno e nutrienti vitali agli organi. La pressione è bassa quando ha valori inferiori ai 90/60 mmHg. Le cause sono molteplici, più o meno gravi.

Una delle cause più comuni della pressione bassa è la disidratazione. Quando si perdono molti liquidi, ad esempio a causa della diarrea o dell'eccessivo calore, e non si reintegrano a dovere bevendo, il corpo comincia a non funzionare correttamente, ed uno dei primi sintomi è proprio la pressione bassa. Altre cause comuni sono emorragie, infiammazioni agli organi interni, embolia polmonare, effetti collaterali di alcuni farmaci, abuso di alcool e stupefacenti, malattie cardiache, anafilassi (shock anafilattico), diabete, ipoglicemia, ipotiroidismo, problemi al fegato, congelamento oppure semplicemente un cuore indebolito dall'età o da una gravidanza.

Una volta notati i sintomi dell'ipotensione, esistono vari rimedi a seconda della causa. Se a provocare la bassa pressione è la disidratazione, basta recuperare i liquidi bevendo analcolici e pian piano il corpo dovrebbe reagire, riprendendo il normale battito cardiaco; se a causarla è un farmaco, basta smettere di assumerlo, ma non lo fate senza aver consultato il medico. Solo un dottore saprà dirvi se la causa è il farmaco e vi indicherà un sostituto che non provocherà questo effetto collaterale. Se la causa è un'emorragia, basta fermare la perdita di sangue; se c'è una malattia cardiaca pregressa il medico indicherà il farmaco migliore per tenerla sotto controllo.

Quando alla base della pressione bassa non c'è una condizione medica, il problema potrebbe dipendere da una dieta scorretta. In tal caso possono essere aumentate le bevande che contengono caffeina, il sale, o vengono utilizzate delle calze che comprimono le vene delle gambe. In questi casi consultare il medico perché i cambiamenti fai da te nella dieta possono comportare degli squilibri. Per tutti invece può tornare utile fare un po' di attività fisica, a seconda delle proprie condizioni, alzarsi lentamente quando si sta sdraiati o seduti, evitare di sollevare carichi pesanti, provare a consumare pasti più piccoli, riposare dopo aver mangiato ed evitare di restare immersi nell'acqua calda troppo a lungo.

Via | Webmd; Medicinenet
Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail