Psicologia, cos’è l’apotemnofilia e come si manifesta

Ecco in cosa consiste l’Apotemnofilia e come si manifesta.

Psicologia

Psicologia - "Apotemnofilia" è una parola che deriva dal greco “Apo” (lontano da) e temno (tagliare un pezzo), e descrive una condizione in cui il soggetto prova un piacere sessuale al pensiero di apparire come una persona amputata, o anche all'idea di amputare una parte del proprio corpo. Si tratta di una parafilia, ovvero una pulsione generata da fantasie o impulsi sessuali che implicano attività o situazioni sessuali bizzarre, che riguardino oggetti, oppure che comportino sofferenza e umiliazione.

Come abbiamo detto, questa condizione (che non deve essere confusa con l’acrotomofilia, ovvero una parafilia che porta il soggetto a provare interesse sessuale nei confronti delle persone amputate) è caratterizzata dal desiderio sessuale di aver amputato un arto, e deve essere trattata con l’aiuto di uno specialista.

Purtroppo però, coloro che ne sono affetti difficilmente chiedono aiuto per il trattamento di questa loro condizione, e lo ricevono generalmente solo quando hanno già tentato di raggiungere il loro obiettivo, chiedendo ad esempio a un chirurgo di rimuovere l’arto indesiderato.

Questa condizione viene generalmente curata mediante psicoterapia, sedute di terapia cognitivo-comportamentale, terapia di gruppo o – se il medico specialista lo riterrà necessario - anche mediante la somministrazione di antidepressivi, stabilizzatori dell'umore ed altri farmaci.

via | Rightdiagnosis.com, Iamindepression.com, Stateofmind.it

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail