Fertility day, polemiche sulla nuova campagna: "E' razzista"

Il ministero della Salute scivola nuovamente sulla campagna dedicata al Fertility Day, con un manifesto razzista.

fertility-day.jpg

Non si placano la polemica sulle campagne ministeriali dedicate al Fertility Day. Dopo una prima versione pro-nascite, abbastanza offensiva per le donne, lo staff comunicativo della ministra della Salute Beatrice Lorenzin ha deciso di rifare completamente le campagna di comunicazione illustrando le "buone abitudini da promuovere" e soprattutto i "cattivi compagni da abbandonare". E fin qui tutto bene, se non fosse che nel manifesto tra le buone abitudini compaiono giovani donne e uomini, usciti da una soap opera, e tra i compagni da abbandonare, ragazzi di colore che fumano spinelli.

Ovviamente sul tema è intervenuto nuovamente il Sel, che già si era battuto per il ritiro della precedente. Che le cattive abitudini che possono influenzare la fertilità siano tante è verissime, che tra queste ci sia il fumo anche, ma gli stereotipi di genere nascondo ideologie pericolose e mistificano un messaggio che dovrebbe prima di tutto validità scientifica. Così si legge sulla pagina ufficiale di Abbatto i muri:

Questa è una delle locandine del Fertility Day. Ditemi se non è razzista. Perché mai si attribuiscono le "cattive abitudini" a gente nera, riccia, bad girls, che fumano erba? Le coppie bianche ed etero invece sono fantasticissime?

Questo è razzismo, senza dubbio.

Via | Gov

  • shares
  • +1
  • Mail