Il rancore fa male al cuore

Al di là della facile rima e delle implicazioni psicologiche, a tutti ben note, è stato di recente dimostrato che portare rancore a lungo causa danni al cuore, inteso come muscolo e non come sede ideale di sentimenti.

I risultati dell’indagine sono stati pubblicati dalla rivista Women’s Health e riportati da Vitadelia.com: dimostrano che gli stati di alterazione dovuti a rabbia e ansia aumentano la pressione arteriosa costringendo il cuore ad un super lavoro e a lungo andare l’eccessiva pressione può degenerare in stati patologici a carico del sistema cardiovascolare.

A quanto pare anche solo la visualizzazione può aiutare: immaginare di perdonare chi ci ha fatto un torto ha già una ricaduta immediata sui battiti cardiaci, che si normalizzano. Ma se non siete inclini al perdono, allora non è questo il vostro caso. Pensate solo, quando vi alterate troppo, se sia davvero il caso di rimetterci in salute.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: