Psicologia, perché ignoriamo le persone per usare lo smartphone

Ecco come mai l’arte dell’ignorare le persone che abbiamo di fronte per usare lo smartphone è considerato ormai un fenomeno normale.

Phubbing

Psicologia - Ignorare la persona che si ha di fronte, o interromperla continuamente per controllare se è arrivato un messaggio, una notifica su facebook, una email o qualsiasi altra cosa, è una delle abitudini più diffuse (e a mio avviso più insopportabili) della nostra era digitale. In effetti, è ormai decisamente comune vedere delle persone che snobbano completamente le persone in carne e ossa con le quali si trovano in un preciso momento, per concentrarsi invece sul proprio smartphone. Ma cosa provoca questo comportamento - noto come 'phubbing' - e come si è arrivati a considerarlo come una cosa del tutto normale?

A cercare di rispondere alla domanda sono stati i membri della University of Kent, secondo cui la causa di questo fenomeno sarebbe da ricercare nella dipendenza da internet, nella paura di perdersi qualcosa di importante, e nella mancanza di autocontrollo. Ora sappiamo cosa spinge le persone a fare 'phubbing'. Ma cosa ci porta a considerare tutto ciò una cosa normale, e ad attuare a nostra volta questo genere di comportamento?

Secondo gli esperti, il cui studio è apparso sulla rivista Computers in Human Behaviour, sarebbe proprio l’essere “vittime” di 'phubbing' a portarci a nostra volta a mettere in pratica lo stesso comportamento. Ma a lungo andare, tutto ciò, quali ripercussioni avrà sulla qualità dell'interazione sociale?

via | ScienceDaily

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail