Come affrontare i disturbi della sindrome premestruale e i rimedi per stare meglio

La sindrome premestruale colpisce molto più di quanto si pensi e può influire moltissimo sulla quotidianità. Come? Sonno, fame immotivata, stanchezza e senso di gonfiore.

E’ noto che i sintomi della sindrome premestruale vanno dai disturbi emotivi e psicologici, come sbalzi d’umore, irritabilità, depressione, a sintomi fisici come affaticamento, gonfiore, tensione mammaria, acne, inappetenza alternata a fame eccessiva.

Per affrontare i tutti i suoi disturbi e ritrovare l’energia, bisogna innanzitutto fare attenzione al cibo. E’ utile mangiare cereali integrali e frutta, sostituire lo zucchero raffinato con i dolcificanti naturali, preferire alimenti che contengono magnesio e stimolare la serotonina. Può aiutare limitare l’uso del sale, la carne, gli affettati, latte e latticini, caffè, alcol e pesce.

Uno dei disturbi più fastidiosi, come già accennato, è l’eccessiva fame. Per controllare il senso di fame si possono fare piccoli pasti al giorno, anche più digeribili rispetto a uno o due pasti abbondanti.

Un altro importante accorgimento è bere molta acqua. Consigliate anche le tisane calmanti addolcite con il miele, tecniche di rilassamento come lo yoga, massaggi e meditazione. Utile anche lo sport che libera endorfine nel sangue. Anche gli integratori di calcio e magnesio migliorano l’umore.

Cibi diuretici naturali, oltre che ad apportare benessere, riducono il gonfiore, che è spesso causa di ulteriore disagio.

Fonte | medicinenet

  • shares
  • +1
  • Mail