Attenti al cambio d'orario: l'ora legale può peggiorare il mal di schiena

Torna l'ora legale la domenica di Pasqua 2016 e bisogna prendere dei provvedimenti se si soffre di mal di schiena.

An employee of the Bodet Company carries a clock on March 26, 2014 at the plant of Trementines, western France. The Bodet company manufactures clocks since 1868 for churches, stations, sports halls and employs 630 workers in France. AFP PHOTO / JEAN-SEBASTIEN EVRARD        (Photo credit should read JEAN-SEBASTIEN EVRARD/AFP/Getty Images)

Domenica 27 marzo 2016 torna l'ora legale (sì, il giorno di Pasqua) e oltre ai soliti disturbi che può portare, come irritabilità e nervosismo per il fatto di dover riportare indietro le lancette di un'ora, chi soffre di mal di schiena deve stare particolarmente attento.

Il cambio d'orario infatti inficia sulla postura e su eventuali problemi alla schiena, spiega il professor Alessandro Napoli, docente all’Università di Roma La Sapienza: quando la colonna vertebrale non è correttamente allineata, le componenti come dischi, articolazioni e muscolatura sentono maggiormente lo stress, e specialmente i muscoli tendono a contrarsi di più acuendo il fastidio.

La mancanza di sonno tende poi ad aggravare i sintomi del mal di schiena per via degli squilibri chimici a livello cerebrale dovuti al minore riposo, che fa abbassare anche la soglia di sopportazione del dolore rendendoci più propensi ad avvertire i piccoli fastidi o i dolori cronici.

Per ovviare a questi fastidi è bene rivolgersi all'alimentazione, scegliendo cibi ricchi di antiossidanti come asparagi e carciofi (sono anche di stagione), finocchi e carote e limitando zuccheri e alcol; inoltre non va dimenticata l'attività fisica che privilegi la tonicità muscolare senza affaticare eccessivamente il carico sulla schiena. Benissimo la ginnastica posturale, da riprendere sempre dopo aver superato la fase acuta del dolore.

Via | Comunicato stampa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail