Cañihua e quinoa, quali sono le differenze e i benefici

I semi di cañihua e quinoa fanno molto bene alla salute. Quali sono le differenze e gli eventuali benefici?

canihua.jpg

Avete mai sentito parlare della Cañihua? La Quinoa in questo momento è il super cibo maggiormente di moda, ma la Cañihua non ha nulla da invidiare. Chiamato anche il seme della salute, assomiglia molto alla Quinoa (sia per aspetto sia per proprietà nutrizionali) e deriva da una pianta tipica delle Ande. Quali sono le principali differenze? Prima cosa non contiene saponine, che come sappiamo possono essere tossiche. Si consiglia infatti di lavare sempre molto bene la Quinoa per eliminarne quanto più possibile.

Cresce in alta montagna e resiste molto bene alle basse temperature. È considerata quasi un’erba medica, perché i suoi semi sono eccellenti per ridurre il colesterolo e ha un ampio potere digestivo. A differenza della Quinoa non ha effetti collaterali e ciò la rende ideale a tutte le età e in tutti i regimi dietetici. Non possiede grassi ed è perfetta per perdere peso.

Si può utilizzare come energizzante e per prevenire i disturbi cardiaci. Non è un cereale ed è senza glutine, perfetta quindi per i celiaci. E’ ricca in proteine (più del 19%) e di alcuni micronutrienti essenziali, come calcio, fosforo, ferro, zinco e vitamina B1. Contrasta il mal di montagna e combatte la dissenteria.

Come si mangia? Si può acquistare i semi o la farina. È ottima per zuppe e insalate, ma si utilizza anche per il porridge.

  • shares
  • +1
  • Mail