Calcoli alla colecisti, i sintomi e la dieta da seguire

Scritto da: -

ciliegie

I calcoli alla colecisti sono concentrazioni biliari solide che si formano nella cistifellea a causa della presenza eccessiva di colesterolo, sali biliari o di un prodotto di scarto noto come bilirubina. I calcoli potrebbero anche non provocarci alcun sintomo e fastidio, fin quando non vanno a spostarsi nei dotti biliari ostruendoli. Le donne sono il doppio più esposte degli uomini. Nel caso in cui non si tratti di calcoli silenti, i sintomi più comuni sono:

  • Un forte dolore all’altezza del quadrante superiore destro dell’addome. Il dolore può protrarsi per alcune ore, può sopraggiungere anche di notte e spesso insorge dopo un pasto molto pesante.
  • Un dolore alla schiena che si diffonde nell’area tra le scapole.
  • Un dolore alla spalla destra.
  • Vomito.
  • Nausea.
  • Gonfiore.

I calcoli si prevengono con una dieta che prenda almeno il 25-30% del fabbisogno calorico giornaliero dai grassi. Ecco perché bisogna evitare di sottoporsi a diete troppo drastiche che eliminino completamente gli alimenti ricchi di lipidi. D’altra parte bisogna scongiurare anche il sovrappeso e l’obesità, due condizioni che espongono ad un rischio maggiore di calcoli alla colecisti. L’ideale è sottoporsi ad una dieta equilibrata, povera di colesterolo cattivo e ricca di fibre, che non porti a perdere più di un chilo alla settimana, abbinata ad un’attività fisica regolare che acceleri il metabolismo. L’effetto yo-yo è il principale nemico della colecisti: causa infatti il rilascio di livelli maggiori di colesterolo che tendono a cristallizzarsi.

Nella dieta per prevenire i calcoli alla colecisti, sono da preferire gli alimenti non raffinati come i cereali integrali e i cibi magri, dalla carne agli insaccati privati del grasso. Anche i latticini, dallo yogurt ai formaggi, vanno preferiti nella variante magra. Sì al pesce, alla frutta e alle verdure. No alle fritture, ai superalcolici ed ai cibi spazzatura. Regola che vale per scongiurare la formazione di calcoli e per prevenire gran parte dei disturbi legati all’alimentazione.

Via | Farmacoecura; WebMd
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
3.60 su 5.00 basato su 5 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Benessereblog.it fa parte del Canale Blogo News ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.