Pressione bassa: le cause, i sintomi e i rimedi

misurare pressione

Si parla di pressione bassa (ipotensione) quando i valori sono inferiori ai 90/60 mmHg. La pressione bassa può non rappresentare un problema quando non è scatenata da patologie sottostanti e quando è asintomatica. A soffrirne maggiormente sono gli anziani: gli over 65 affetti da ipotensione posturale sono tra il 10% ed 20%. Solitamente, quando si alzano di scatto dal letto, l'abbassamento della pressione sanguigna è accompagnato da capogiri.

Bisogna correre ai ripari quando insieme al calo di pressione si manifestano sintomi come vertigini, giramenti di testa, nausea, mancanza di concentrazione, svenimenti e malesseri che possono portare anche ad uno shock. Tra le cause più comuni della pressione bassa figurano:

  • gravidanza: l'ipotensione è normale e scompare solitamente dopo il parto;

  • assunzione di farmaci contro l'ipertensione o di antidepressivi;

  • malattie cardiache;

  • morbo di Parkinson (il calo di pressione si verifica soprattutto dopo i pasti);

  • immobilità prolungata;

  • colpo di calore;

  • malattie epatiche;

  • insufficienza cardiaca;

  • aritmia;

  • ipoglicemia;

  • reazioni allergiche.

Tra i farmaci che può prescrivere il medico contro l'ipotensione figurano il fludrocortisone e la midodrina. Sarà comunque il medico, dopo un controllo accurato, a scegliere la terapia più indicata: se la causa dell'ipotensione è una malattia sottostante si interverrà alla radice del disturbo, curando la patologia scatenante. Il medico vi indicherà anche se è il caso di aumentare la quantità di sale nella dieta. Tra i rimedi naturali per tenere sotto controllo la pressione figurano alcuni cambiamenti nella dieta e nello stile di vita, fondamentali per mantenere i valori a livelli ottimali. Chi soffre di ipotensione dovrebbe:


  • evitare l'assunzione di alcolici e superalcolici;

  • bere più acqua ed in generale mantenere l'organismo ben idratato assumendo molti liquidi, in special modo quando si è contagiati da virus influenzali e nei periodi molto caldi;

  • evitare i movimenti troppo bruschi quando ci si rialza dopo molto tempo trascorso in posizione supina;

  • evitare di portare carichi troppo pesanti ed in generale tutti gli sforzi, ad esempio non bisogna rimanere in piedi troppo a lungo;

  • stare alla larga da tensione, stress e da situazioni che possono scatenare ansia.

Via | Farmacoecura; MayoClinic
Foto | Flickr

Vota l'articolo:
3.71 su 5.00 basato su 7 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO