Cosa sono le ovaie multifollicolari

Scopriamo insieme che cosa si intende per ovaie multifollicolari: come si manifesta questa condizione? Quali sono i sintomi? Quali le cause e cosa fare?

ovaie multifollicolari

Le ovaie multifollicolari, definite anche come ovaie multicistiche (l'acronimo è MFO, derivante dall'inglese Multifollicular ovaries), si differenziano dall'ovaio policistico perché hanno un numero minore di visti, intorno alla decina, ma sono più grandi, perché possono raggiungere anche i 10 millimetri. Le cisti sono presenti in tutto l'ovaio in maniera sparsa: è un disturbo che colpisce maggiormente durante la pubertà, ma si possono verificare anche casi in età adulta.

L'ovaio multifollicare può presentarsi per iperprolattinemia, amenorrea da sottopeso (di solito provocato da diete troppo strette, troppa attività fisica, ma anche stress), iperstimolazione ovarica, anovulazione ipotalamica, ma può insorgere anche in seguito all'uso di contraccettivi ormonali (soprattutto quando si smette di prenderli) o della spirale intrauterina medicata.

Come possiamo accorgerci di questa patologia? Il sintomo principale è l'irregolarità del ciclo mestruale, che può presentarsi sotto forma di polimenorrea, amenorrea, oligomenorrea. Altri sintomi che possono essere notati sono l'aumento o la comparsa dell'acne o dei peli: di solito non si presentano squilibri ormonali o squilibri metabolici.

Come si cura questo particolare disturbo? Se compare in pubertà, di solito la patologia si può risolvere in maniera assolutamente naturale, senza intervenire in alcun modo. Se però il disturbo risulta troppo fastidioso, una visita dal ginecologo potrà aiutarvi a risolvere i problemi collegati alle ovaie multifollicolari. Se notate i sintomi e i disturbi sopra elencati, allora rivolgetevi con fiducia al vostro dottore.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail