Psicologia, il sapore del cibo cambia in base al prezzo?

Il modo in cui giudichiamo il cibo cambia in base al prezzo? Ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

Cibo psicologia

Psicologia - Il modo in cui giudichiamo il cibo cambia in base al suo prezzo. Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato sulle pagine del Journal of Product and Brand Management e condotto dai membri della Cornell University, i quali hanno esaminato un campione di 139 persone, alle quali è stato chiesto di mangiare in un ristorante italiano “all-you-can-eat”. Un gruppo di persone ha pagato 4 dollari, mentre il secondo gruppo ha pagato 8 dollari per il pasto.

Dopo la cena, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di valutare il sapore dei cibi mangiati, la soddisfazione, quanto hanno gradito ogni fetta di pizza, e la qualità complessiva dell'esperienza. Coloro che avevano pagato 4 dollari per il pasto, avrebbero valutato la loro esperienza sulla base dell'ultima fetta mangiata e sul livello più alto dell’esperienza, mentre gli individui che hanno pagato 8 dollari, hanno valutato il pasto con parametri diversi, valutando l'esperienza complessiva sulla base della prima fetta di pizza mangiata.

Gli esperti spiegano che normalmente la gente giudica le esperienze in base alla parte più intensa e all'ultima parte di un esperimento, per cui coloro che hanno pagato 4 dollari avrebbero risposto esattamente come previsto. Il gruppo che ha pagato 8 dollari, avrebbe però valutato il pasto in modo diverso. Quando il prezzo è più alto, i consumatori tendono dunque a giudicare il pasto in base alla prima parte dell’esperienza.

Questi risultati potrebbero essere utilizzati per aiutare i ristoranti a offrire una migliore esperienza culinaria. Ristoranti costosi potrebbero dare priorità all’offerta di una buona esperienza precoce, mentre ristoranti a basso prezzo dovrebbero conservare il meglio per la fine del pasto.

via | Medicalnewstoday.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail