Gravidanza, svelati i prodotti da evitare nel primo trimestre

Le donne in dolce attesa dovrebbero tenersi alla larga da determinate sostanze, in particolar modo durante il loro primo trimestre di gravidanza. Ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

gravidanza sostanze da evitare

In gravidanza, ed in particolar modo durante il primo trimestre, le donne in dolce attesa dovrebbero tenersi alla larga da alcune sostanze. A confermarlo è un nuovo studio della York University, secondo cui una donna incinta dovrebbe evitare certi cosmetici, agenti e medicinali di pulizia, per proteggere il cervello del feto da sostanze chimiche che potrebbero aumentare il rischio di sviluppare Disturbi dello spettro autistico.

I prodotti che usiamo ogni giorno, come creme e cosmetici,

avrebbero infatti spiegato gli esperti

contengono sostanze chimiche che potenzialmente potrebbero incidere sullo sviluppo del bambino durante la gravidanza.

La lista di sostanze che andrebbero evitate è lunga: solventi, pesticidi, farmaci anti-infiammatori non steroidei come l'acido acetilsalicilico; il misoprostolo, l'etere di difenile polibromurato, policlorurati bifenili, lubrificanti industriali, ftalati e così via. Oltre al tipo di sostanza chimica alla quale la donna incinta potrebbe essere esposta, a rivestire un ruolo fondamentale sono anche la durata, la frequenza e il livello di concentrazione di tale sostanza, che possono avere un impatto significativo nello sviluppo del cervello del bambino nella fase prenatale.

In questa fase, lo sviluppo del cervello subisce infatti continui cambiamenti, e il suo normale funzionamento dipende molto dalla presenza di geni specifici in un determinato momento. Poiché alcuni fattori ambientali influenzano i livelli di espressione di questi geni, è dunque importante che le donne incinte siano informate in merito a tali fattori, in modo da proteggere la salute del bambino.

Ulteriori indagini in merito ai meccanismi molecolari che spieghino il modo in cui queste sostanze chimiche possano influenzare lo sviluppo del cervello del feto saranno indubbiamente da svolgere in futuro.

via | ScienceDaily

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail