Effetto nocebo, 4 modi per sconfiggerlo

Come fare a non cadere nel tranello dell’effetto nocebo? Ecco alcuni consigli per voi!

L’effetto nocebo può davvero danneggiare la nostra salute. Come molti sapranno, si tratta praticamente della controparte del ben più noto “effetto placebo”, per cui – nel caso dell’effetto nocebo – a causa del potere della suggestione, il soggetto presenterà delle reazioni avverse nei confronti di un determinato trattamento generalmente innocuo. Sappiamo bene che le aspettative nei confronti di un trattamento da parte del paziente influenzano significativamente e concretamente il modo in cui tale trattamento funziona. Più il paziente crede che la cura andrà a buon fine, migliori saranno i risultati.

Al contrario, se le aspettative sono negative, il rischio è che il paziente possa sperimentare maggiori effetti avversi e minori benefici. Ma come fare a evitare la trappola dell’effetto nocebo? Ecco alcuni consigli utili per riuscire a evitare – o a tenere sotto controllo – questo particolare problema.

Chiedere informazioni a una fonte autorevole – Prima di entrare nel panico e pensare che il farmaco che avete assunto o che vi è stato prescritto potrebbe farvi male, chiedete informazioni a una fonte autorevole. Il che non vuol dire che dovete andare su internet o nei forum, ma dovete chiedere a un medico qualificato e affidabile. Internet è un vasto mondo di informazioni, ma ovviamente non tutto ciò che troviamo è attendibile. Se tendete all’ipocondria, vi consigliamo di spegnere il pc, telefonare al vostro medico e chiedere direttamente a lui, poiché ricevere informazioni errate sul web potrebbe influenzare ulteriormente la vostra visione pessimistica nei confronti del trattamento.

Focalizzatevi sui messaggi positivi – Se parlate con il medico, questi sarà ovviamente tenuto a darvi tutte le informazioni che di cui avrete bisogno, ma cercate di focalizzarvi sugli aspetti incoraggianti, per cui su frasi positive come "La maggior parte delle persone tollera bene questo farmaco" o "Questo farmaco non dovrebbe far male”; evitate quindi di focalizzare l’attenzione sugli aspetti negativi.

Usate il potere del contatto – Diversi studi hanno dimostrato che il semplice contatto umano con il partner, un amico, o anche con un operatore sanitario, può offrire benefici di fronte a condizioni come asma, artrite, ipertensione ed emicrania. Nonostante si ritenga che si tratti essenzialmente di un effetto placebo … è il risultato finale quello che a noi interessa!

Stay positive – Pensare negativo porta solo negatività, invece, cercare di essere positivi può davvero migliorare la vostra vita a 360°, anche quando si parla di cure e farmaci. Secondo gli esperti coloro che guariscono più velocemente sono anche quelli che mantengono un atteggiamento positivo e che si concentrano su come stare bene. A buon intenditor … poche parole!

via | Rd.com

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO