Occhio pigro, un aiuto dai film?

L’occhio pigro potrebbe essere curato grazie ai film. Ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

L’occhio pigro potrebbe essere curato grazie ai film? A suggerirlo è un nuovo studio della University of Texas Southwestern Medical Center e del Retina Foundation of the Southwest, secondo cui l’ambliopia - o “occhio pigro” - potrebbe essere curata appunto mediante una terapia dicoptica, che prevede la presentazione - separatamente - di immagini differenti per ciascun occhio. Tale terapia è spesso combinata con compiti di apprendimento percettivi o con giochi, ma i bambini tenderebbero spesso ad annoiarsi o a considerare tali compiti troppo difficili.

Partendo da questo presupposto, il team ha dunque valutato l'efficacia di un approccio potenzialmente più divertente e coinvolgente per i bambini, ovvero … la visione di famosi film. I ricercatori hanno dunque arruolato otto bambini con ambliopia, ai quali è stato chiesto di guardare 3 film “dicoptici” per 2 settimane, utilizzando uno schermo 3D e degli appositi occhiali.

Ebbene, alla fine delle 2 settimane, dopo nove ore di filmati, tutti i bambini hanno mostrato un significativo miglioramento dell'attività visiva, miglioramento potenzialmente più rapido rispetto a quello raggiunto con i normali trattamenti attualmente impiegati per la cura dell’ambliopia.

via | MedicalNewsToday

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail