I cibi migliori durante la dieta dimagrante

Ridurre la questione dieta dimagrante solo al problema calorie e attività fisica è sicuramente un modo incompleto di affrontare la perdita di peso. Non tutti gli alimenti sono uguali, a parità di calorie, durante una dieta. Per questo è importante scegliere con cura i cibi, oltre che saperne le calorie.

L’aumento di peso è sempre accompagnato da un generale stato di rallentamento delle funzioni vitali e di aumento delle tossine presenti nel sangue e nelle urine. Gran parte dei regimi dimagranti risultano poco efficaci in quanto si concentrano esclusivamente sulla diminuzione delle calorie introdotte, con conseguente rallentamento del metabolismo.

Il risultato è l’arresto della perdita di peso dopo tre-quattro settimane di dieta, stanchezza, senso di intossicazione. Per avere una perdita di peso efficace, in salute ed energia è importante associare un’azione depurativa. Ci sono i cosiddetti cibi spazzino, utili durante la dieta, capaci di stimolare il metabolismo, l’intestino, il fegato, il sistema renale ma che contemporaneamente diano energia.

Ad avere queste capacità sono tutti gli agrumi, i frutti di bosco, le alghe ad uso alimentare (soprattutto Nori e Wakame), i cereali ricchi in proteine come l’avena e la segale ma anche la quinoa e l’amaranto, le verdure che hanno una percentuale alta di magnesio, vitamine C e B5, come la cicoria, la rucola, l’acetosa, l’indivia, il sedano. Inserire in maniera preponderante questi cibi all’interno del proprio regime dimagrante, mette il turbo al metabolismo, favorendo il senso di benessere che deriva sia dalla perdita di peso, sia dalla disintossicazione.

Particolare attenzione va posta all’indivia, verdura leggera e rinfrescante (circa il 95% d’acqua), in quanto apporta pochissime calorie. La sua particolarità e dovuta al fatto che le sue fibre sono composte in gran parte da emicellulosa tenera, che oltre a dare all'indivia la consistenza soda e croccante, sono un toccasana per eliminare le tossine dall’intestino e favorire la perdita di peso senza essere direttamente lassative.

Inoltre durante le diete l’indivia, consumata cruda o lessa, è ottima anche come integratore della vitamina B9, utile alla velocità del metabolismo. Con 200 grammi di indivie si sarà coperto quasi il 100% del fabbisogno di vitamina C e di fibre e quasi 3 volte il fabbisogno di vitamina B9.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: