Cos'è la sproporzione cefalo pelvica?

Una condizione che rende necessario il tagli cesareo è la sproporzione cefalo-pelvica, ovvero quando le pelvi della mamma sono troppo piccole rispetto alla testa del bambino.

Una mamma in attesa è sempre preoccupata che il suo bambino cresca bene, sano e che il parto si svolga nel modo migliore. Sappiamo tutti che dal dolore non si può scappare, ma sicuramente la medicina oggi ci può mettere nelle condizioni di soffrire un po’ meno. Tra le problematiche che possono condizionare la serenità della mamma c’è la sproporzione cefalo-pelvica.

Questa condizione si verifica quando la testa del bambino è troppo larga per attraversare la pelvi della mamma. Ovviamente, una diagnosi relativa a questa situazione porta a un parto con taglio cesareo. Come mai si può verificare questa sproporzione? Le cause possono essere diverse come fattori ereditari, il diabete, una gravidanza che ha superato il termine e di conseguenza un bimbo troppo grande, le pelvi piccole della mamma o con una forma anormale. In alcuni casi, è il piccolo che ha deciso di assumere una posizione fetale non idonea al parto.

Purtroppo molto raramente si riesce a diagnosticare questa problematica prima dell’inizio del travaglio, perché di solito durante il parto le pelvi e la testa del neonato si modellano al fine di raggiungere l’obiettivo nascita senza traumi. Se deve effettuare un’ecografia per valutare il volume del feto. Care mamme, dovete però stare molto tranquille, perché si tratta di un evento davvero molto raro (1 su 250 gravidanze).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail