Psicologia, giocando a Tetris si combattono le dipendenze

Giocare a Tetris può tenere a bada le dipendenze: ecco cosa emerge da una nuova ricerca.

Psicologia e dipendenze: giocare a Tetris anche solo per tre minuti alla volta, può ridurre il desiderio di droga, cibo e attività come quelle sessuali o il gioco d’azzardo. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri della Plymouth University e della Queensland University of Technology (Australia), il primo studio di questo tipo, condotto al di fuori di un ambiente di laboratorio, con persone immerse nel proprio ambiente naturale.

Per l’esattezza, gli esperti hanno preso in esame un campione di 31 studenti di età compresa tra i 18 e i 27 anni, i quali sono stati invitati a segnalare quale fosse il loro livello di “desiderio” o dipendenza relativo a diversi aspetti della loro vita (mangiare, fumare, assumere droghe e così via). Quindici membri del gruppo sono stati inoltre invitati a giocare a Tetris per tre minuti, prima di riportare ancora una volta quale fosse il loro livello di “desiderio” o “bisogno”.

Ebbene, dallo studio dei dati sarebbe emerso che giocare a Tetris, anche solo per 3 minuti, riduceva il livello di desiderio, non solo per quanto riguarda il consumo di cibo, ma anche per quello di droghe, sigarette, alcol e caffè, e altre attività. I vantaggi di giocare a Tetris sono stati mantenuti nel corso del periodo di follow up, durato sette giorni.

Giocare a Tetris ha ridotto il desiderio di droghe, cibo, e altre attività dal 70 al 56%.

spiegano gli autori della ricerca, secondo cui

Come strumento di supporto, il Tetris potrebbe aiutare le persone a gestire le loro voglie nella vita quotidiana e per periodi di tempo prolungati.

via | MedicalXpress

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail