Lh alto e ovaio policistico: che rapporto c'è?

L’ovaio policistico è influenzato da uno scompenso ormonale: uno dei sintomi più ricorrenti è l’elevato livello dell’ ormone luteinizzante (LH, luteinizing hormone).

Pillola anticoncezionale

La sindrome dell’ovaio policistico è un disturbo molto comune che colpisce l’apparato riproduttivo femminile e anche detta policistosi ovarica (PCO), perché si manifesta con tante piccole cisti all’interno delle ovaie, che hanno dimensioni superiori alla media. Inoltre, la superficie esterna appare punteggiata da un numero anomalo di piccoli follicoli. Da che cosa dipende? C’è una certa ereditarietà. È abbastanza frequente nei pazienti in sovrappeso o che hanno una storia di diabete in famiglia.

Quali sono i sintomi? Mestruazioni irregolari, spesso assenti o poco frequenti, peli superflui su viso e corpo, acne, infertilità, come abbiamo detto l’obesità, e purtroppo l’aborto spontaneo. È proprio qui che gioca un ruolo fondamentale l’ ormone luteinizzante (LH, luteinizing hormone): gli elevati livelli che si riscontrano nella sindrome dell'ovaio policistico sembrano essere correlati con una maggiore frequenza di aborti spontanei.

Questo ormone è prodotto da alcune cellule dell’ipofisi ed è importante per la regolarizzazione della funzione ovarica. Gli esperti hanno notato che nel 65 percento dei casi di aborto le donne avevano l’LH alto, mentre ciò accade solo nel 12 percento in donne con normali livelli di LH. È poi evidente è l’inversione del rapporto FSH/LH, che dipende da un errore ipofisario che a sua volta dipende da una sensibilità dei recettori ipofisari in risposta al Gn RH ipotalamico, elettivamente per LH.

Via | Dica33

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail