Chi è il fisioterapista sportivo e come diventarlo

Il fisioterapista non è un medico ma ha una formazione universitaria in campo sanitario importante e completa. È un professionista in grado di seguire gli sportivi, riconoscere le patologie e curarle nel modo più corretto.

personal-trainer

Il fisioterapista sportivo è uno specialista che sa intervenire sulla riabilitazione di tutte le patologie tipiche degli sportivi, gestendo correttamente gli allenamenti, le riabilitazioni e le competizioni. Molto spesso fa parte dello staff sanitario che si occupa dello sportivo, perché affianca il medico (l’ortopedico) delle fasi di prevenzione e recupero.

In quali discipline è importante? In realtà in tutte, dal tennis alla pallavolo, dal calcio allo sci, dal basket al pattinaggio. Ovviamente, a seconda della disciplina ci saranno patologie o incidenti più frequenti e quindi è richiesta una specializzazione maggiore. Che cosa fa esattamente il fisioterapista? Visita lo sportivo e lo segue prima, durante e dopo le gare e gli allenamenti, deve conoscere il corpo umano, soprattutto l’apparto muscolo scheletrico, riconoscere le patologie e consigliare una terapia mirata.

Come si diventa fisioterapisti? C’è un corso di studi universitario, che porta al conseguimento della Laurea in Fisioterapia (triennale). La facoltà è a numero chiuso e al termine del percorso c’è un’abilitazione per l’esercizio della professione (esame di stato). Esistono poi un master di specializzazione nelle facoltà di medicina e una serie di corsi di aggiornamenti da seguire nel corso della propria attività.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail