Curarsi con la musica, i benefici per la salute

Si chiama musicoterapia ed è un tipo di terapia efficace per la cura di diversi disturbi, si utilizza anche in ospedale in quanto funziona come un vero e proprio farmaco.

music-therapy-baby

Se ci pensate quando siete di cattivo umore o vi sentite particolarmente giù di corda alle volte basta una melodia piacevole per cambiarvi l'umore. Questo accade perchè le note musicali agiscono sul cervello, sul battito cardiaco regolarizzandolo, sulla pressione del sangue e sulla respirazione.

Il cortisolo, ormone dello stress, si abbassa, mentre le endorfine, ormoni del buonumore, aumentano. Quando ascoltiamo musica il cervello rilascia dopamine essenziali per il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale. Questo ha effetto sulle emozioni, percezioni e movimento.

La musica quindi solleva l'umore, riduce ansia e depressione, aumenta la motivazione e aiuta a combattere l'insonnia.

Ma i benefici della musicoterapia non solo solo a livello emozionale e mentale, gli effetti benefici si riflettono anche sul fisico permettendo spesso un miglioramento del quadro clinico relativo a patologie anche piuttosto serie.

La musicoterapia viene quindi applicata in diversi campi medici. Dopo la valutazione dei punti di forza e delle esigenze del paziente il terapeuta imposta il piano terapeutico comprendente anche l'ascolto della musica, il canto e la creazione di musica.

In questo modo le capacità e i punti di forza dei pazienti sono trasferite in altre aree della loro vita. La musica viene utilizzata anche quando ci sono problemi ad esprimersi a parole, nella riabilitazione fisica e nel movimento, favorendo la motivazione e lo sblocco emozionale.

Per i bimbi piccoli la musica può essere un valido supporto, li coinvolge infatti in tutti i sensi e può aiutarli a gestire situazioni di dolore e stress. Allo stesso tempo la musica permette a questi bimbi di socializzare, esprimersi più facilmente, aumenta la motivazione, ma può avere anche un effetto tranquillizzante su di loro.

Il cervello elabora la musica con entrambi gli emisferi e questo si traduce in una stimolazione dei processi cognitivi utile soprattutto quando sussistono problemi linguistici.

Più in generale la musica può aiutare in caso di disturbi digestivi in particolare se si tende a ingurgitare tutto in fretta e si è sempre di corsa. In questo caso può essere utile ascoltare musica di tipo rilassante.

I brani molto ritmati invece possono essere utilizzati in caso di forte stanchezza dovuta a cambi di stagione e leggeri stati depressivi.

Immagine di lifedetonator.blogspot.com

  • shares
  • Mail