Sangue dal naso nei bambini e negli adulti, ecco i rimedi migliori

Sarà capitato a molti, da bambini, di correre dalla mamma in lacrime per lo spavento di veder uscire il sangue dal naso. È un fenomeno frequente nei bambini, dettato da cause molto banali:


  •  un microtrauma, tipo soffiarsi il naso troppo vigorosamente o mettere le dita nel naso;

  • un raffreddore molto forte;

  • una sinusite intensa;

  • una prolungata esposizione al sole, che tende ad essiccare le prime vie aeree.


Negli adulti si presenta per gli stessi motivi dei bambini, a cui vanno ad aggiungersi, tra le cause scatenanti dell'epistassi (termine scientifico per descrivere il sangue dal naso) eventuali interventi chirurgici, contusioni e fratture nasali, sbalzi della pressione sanguigna che stressano i microvasi. Questi ultimi sono frequentemente dovuti a lavori quali sommozzatore e aviatore che comportano rapide variazioni di pressione atmosferica.

In caso di sanguinamento, i rimedi migliori per non spaventarsi e lasciare che l'emorragia si plachi sono:


  • comprimere la narice dalla quale esce il sangue per circa 5-10 minuti, tenendo il busto e la testa piegati in avanti (mai la testa all'indietro, come suggeriscono persone poco informate: il rischio è quello di creare un coagulo di sangue pericoloso)

  • applicare un impacco di ghiaccio, o acqua fredda in caso mancasse, alla radice del naso, per una decina di minuti.


In caso l'emorragia non si arrestasse immediatamente o si ripresentasse con una certa frequenza nei giorni successivi, è bene rivolgersi al medico che approfondirà le cause del sanguinamento.

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail